USA: PIL 3° TRIMESTRE PEGGIORE DELLE STIME

29 Ottobre 2004, di Redazione Wall Street Italia

Nel terzo trimestre 2004 il Prodotto Interno Lordo Usa e’ cresciuto del 3.7%. Si tratta della versione preliminare del dato.

Lo ha comunicato il Dipartimento del Commercio Usa.

Il dato, che rappresenta il valore totale di tutti i beni e servizi prodotti nella nazione, e’ inferiore alle aspettative del mercato. Gli economisti avevano pronosticato in media un incremento del 4.3%.

Il rialzo e’ stato guidato dalla spesa al consumo, che rappresenta oltre i due terzi dell’economia. L’indicatore e’ cresciuto infatti del 4.6%, quasi il triplo dell’espansione registrata lo scorso trimestre.

Nel secondo trimestre l’indicatore aveva registrato una crescita del 3.3%.

Inferiore alle attese il deflattore, che fornisce una misura sull’andamento dei prezzi. Il dato ha registrato un aumento dell’1.3%. Il pronostico era di un incremento dell’1.6%.

Anthony Chan, economista senior per JPMorgan Fleming Asset Management in Columbus, Ohio, prima della pubblicazione dei dati ha commentato per Bloomberg che il livello di incertezza e’ molto elevato su terrorismo, elezioni e petrolio. Questa incertezza fa si’ che le imprese siano poco propense all’espansione. Chan si aspetta che nel prossimo trimestre anche la spesa al consumo si riduca.