USA: NUOVO CASO DI FRODE, IN BALLO CIRCA $8 MILIARDI

17 Febbraio 2009, di Redazione Wall Street Italia

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell’ autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di Wall Street Italia, che rimane autonoma e indipendente.

(WSI) – Una frode da 8 miliardi: e’ questa l’accusa mossa dalla Sec al numero uno di Stanford Financial Group, Robert Allen Stanford, e a due manager della società.

La frode, secondo la Consob statunitense, sarebbe legata alla vendita di certificati di deposito ad alto rendimento venduti dalla banca del gruppo con base ad Antigua.

Le operazioni sugli strumenti messi sul mercato dalla Stanford International Bank sarebbero avvenute attraverso le divisioni di brokeraggio del gruppo con base a Houston.

Secondo le accuse, Stanford e tre delle sue societa’ avrebbero sostenuto di aver ricevuto ritorni di investimento a due cifre negli ultimi 15 anni, fatti ritenuti dalla Commissione “improbabili” e infondati.
p>
Stamattina gli uffici del gruppo nella città texana erano stati sottoposti a perquisizione da parte delle forze dell’ordine.

Copyright © Il Sole 24 Ore. All rights reserved