USA: NUMERO DI BANCHE IN CRISI SUI MASSIMI 15 ANNI

27 Agosto 2009, di Redazione Wall Street Italia

La crisi del settore finanziario statunitense non e’ affato finita. Altre 111 banche si sono aggiunte alla lista degli istituti con problemi seri nel secondo trimestre: si tratta di un incremento del 36% che ha spinto il numero complessivo sui livelli piu’ alti degli ultimi 15 anni.

Vuoi sapere cosa comprano e vendono gli Insider di Wall Street? Prova ad abbonarti a INSIDER: costa meno di 1 euro al giorno. Clicca sul link INSIDER

Ora sono 416 le banche in difficolta’, con asset tossici pari a $299.8 miliardi, ovvero che non rispettano i parametri di qualita’, liquidita’ e utili stabiliti dalla Federal Deposit Insurance Corp. Si tratta della cifra piu’ alta da giugno 1994.

L’agenzia federale americana per l’assicurazione dei depositi non ha pero’ voluto fare i nomi delle societa’ interessate. “Per ora la procedura necessaria a riconoscere le perdite legate ai prestiti e a ripulire i bilanci continua a riflettersi sugli utili del settore”, ha dichiarato Sheila Bair, presidente della FDIC, in una nota riportata da Bloomberg News.

Sinora sono 81 le banche fallite, tra cui la texana Guaranty Financial Group e l’istituto dell’Alabama Colonial BancGroup Inc e il numero delle bancarotte continua a crescere. Ventiquattro banche sono collassate nel secondo trimestre, colpite dalla peggiore crisi finanziaria dai tempi della Grande Depressione.