Usa lanciano causa per frode contro Deutsche Bank per $1 miliardo

3 Maggio 2011, di Redazione Wall Street Italia

New York – Il dipartimento di Giustizia americano ha avviato una causa civile contro Deutsche Bank per un valore di $1 miliardo, accusando il colosso tedesco di frode nella selezione di quei mutui che, prima della crisi del 2009, sono stati assicurati dal governo.

Dagli Stati Uniti l’accusa è pesante: DB avrebbe “mentito ripetutamente” per detenere la sua posizione strategica e alla fina avrebbe dato il suo ok a più di 39.000 mutui, con un capitale complessivo superiore a $5 miliardi. Il Wall Street Journal parla del caso affermando che, secondo un comunicato stampa diffuso dall’ufficio del procuratore americano di Manhattan, il dipartimento di Giustizia avvierà una causa contro Deutsche Bank e contro la sua controllata Mortgage IT per “anni di pratiche incoscienti relative ai prestiti”.

Nel dettaglio MortgageIT e’ accusata di frode per aver ottenuto in modo scorretto assicurazioni governative su mutui sub-standard durante la recente crisi. La denuncia e’ stata presentata al Tribunale civile di Manhattan e il governo Usa sostiene che gli accusati abbiano “disatteso in modo clamoroso” le procedure. MortgageIT, in particolare, dal 1999 al 2009, avrebbe approvato 39 mila mutui in eccesso, superando il tetto di $5 miliardi stabilito dalla Federal Housing Administration sui mutui assicurati dal governo americano.

La notizia non stupisce più di tanto gli analisti, in quanto dopo la diffusione da parte della Commissione del Senato di ingenti quantità di materiali interni a Deutsche Bank, in molti si sono convinti che la banca tedesca avesse scommesso attraverso operazioni di short per un valore di $5 miliardi contro il mercato dei mutui.