USA, L’INFORMAZIONE PASSA ATTRAVERSO I TALK-SHOW

16 Aprile 2007, di Redazione Wall Street Italia

(9Colonne) – Washington, 16 apr – Nonostante la crescente accessibilità alle notizie, negli Stati Uniti non è cresciuto il livello di consapevolezza dei cittadini rispetto a quanto accade negli Usa e nel mondo. Lo rivela un sondaggio del Pew Research Center, che ha intervistato un campione di 1502 persone e ha confrontato i risultati con una ricerca simile condotta nel 1989. L’istituto di ricerche sottolinea che solamente il 69% degli intervistati ha indicato Dick Cheney come vicepresidente, mentre nel 1989 il 74% aveva identificato Dan Quayle come numero due della Casa Bianca. Uno dei risultati più significativi è che la percentuale delle risposte corrette cresce nettamente fra quanti vedono abitualmente “The Daily Show” e “Colbert Report”, due fra i più popolari talk-show televisivi degli Usa. Il 54% del pubblico di questi due programmi di approfondimento è infatti stato in grado di rispondere correttamente a due terzi delle domande: una percentuale praticamente identica a quanti leggono regolarmente un quotidiano nazionale. In generale comunque i risultati del sondaggio mostrano un pubblico americano poco attento agli affari di politica interna ed estera: solo il 32% degli intervistati ha saputo identificare i sunniti come gruppo confessionale musulmano contrapposto agli sciiti in Iraq, mentre circa un terzo del campione non è stato in grado di dire il nome del governatore del proprio stato. Circa la metà degli intervistati sapeva che Nancy Pelosi è la presidente della Camera dei Rappresentanti, mentre due su tre hanno indicato Condoleezza Rice come segretario di Stato. Su un argomento però si è dimostrato aggiornato il 90% del campione: l’escalation militare americana in Iraq. In generale, ha sottolineato il Pew Institute, gli uomini hanno risposto meglio delle donne, e gli anziani meglio dei giovani.