USA: ISM SERVIZI MIGLIORI DELLE PREVISIONI

5 Novembre 2003, di Redazione Wall Street Italia

Nel mese di ottobre l’ISM (Index for Supply Management) – l’indice dei manager americani responsabili degli ordini di acquisto – relativo al settore non manifatturiero si e’ attestato a 64,7 punti.

Lo ha comunicato l’Institute for Supply Management.

L’indicatore nel mese di settembre aveva segnato quota 63,3.

L’indicatore si e’ rivelato migliore delle attese di mercato, dal momento che gli analisti prevedevano un valore di 63,4 punti.

Tra le sottocomponenti che hanno mostrato un miglioramento vanno segnalate quelle relative ai nuovi ordini da (59,9 a 64,4 punti) e soprattutto quella dell’occupazione passata da 49,1 a 52,9.

Il superamento di quota 50 (linea che divide un’espansione da una contrazione) di questo indicatore, alimenta le speranze degli ottimisti per i dati di domani e venerdi’. I due obiettivi sono rispettivamente di 380.000 richieste di nuovi sussidi alla disoccupazione (giovedi’) e di 65.000 nuove paghe (venerdi’). Qualsiasi scostamento significativo in un senso o nell’altro avra’ un impatto sul mercato.