USA: INDICE PREZZI AL CONSUMO INVARIATO A NOVEMBRE

15 Dicembre 2006, di Redazione Wall Street Italia

Nel mese di novembre l’indice dei prezzi al consumo (CPI) non ha registrato alcuna variazione (0.0%). Nel mese precedente l’indicatore era sceso dello 0.5%. I prezzi energetici e delle auto inferiori hanno bilanciato l’incremento registrato nel comparto medico e nel settore immobiliare.

Lo ha comunicato il Dipartimento del Lavoro Usa.

Il dato e’ risultato migliore delle attese degli analisti, pari ad un rialzo dello 0.2% ed e’ stato subito accolto molto bene sia dai futures sul mercato azionario sia sul mercato dei bond

(per gli abbonati: in Target News dettagli, quotazioni e previsioni sulla politica monetaria della Fed).

Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link INSIDER

Escluse le componenti piu’ volatili, quali cibo ed energia, il dato (“core” CPI) e’ risultato invariato anch’esso rivelandosi migliore delle stime degli economisti, pari a +0.2%.

Il tasso “core” sull’inflazione e’ in rialzo del 2.6% nell’ultimo anno, in ribasso da un massimo di cinque anni del 2.9% raggiunto a settembre. Il CPI e’ invece in progresso del 2%, in seguito ai ribassi registrati a settembre e ottobre.