USA: FUTURE DEBOLI,
SPERANZE DI RECUPERO

3 Giugno 2003, di Redazione Wall Street Italia

A due ore dall’inizio delle contrattazioni a Wall Street, i future sugli indici Usa sono tutti negativi ma non lontani dal Fair Value.

In assenza di dati macroeconomici di rilievo, il mercato si concentra sulle conclusioni del vertice dei G8 a Evian, sui livelli di cambio del dollaro e sull’attesa riunione della Bce di giovedi’.

Sul fronte societario, gli investitori tornano a confrontarsi con l’incubo degli scandali societari, sull’onda dell’indagine della SEC su IBM. Occhio anche alla chiusura del convegno sull’oncologia di Chicago, che potrebbe portare a prese di profitto sul settore biotech, dopo i poderosi rialzi delle ultime settimane.

Da segnalare che nelle prossime sedute gli operatori inizieranno a fare i conti con le scadenze tecniche, attese per venerdi’ 20 giugno. Alcuni movimenti sui mercati andranno quindi giudicati fuori dagli schemi dell’analisi fondamentale.

Alle 13:30 (le 7:30 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P 500 perde 2,70 punti (-0,28%), a 965,50 punti.

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 e’ in ribasso di 4,50 punti (-0,38%), a 1.186,00 punti.

Il contratto sull’indice Dow Jones scende di 28 punti (-0,31%), a 8.875 punti.

Sul mercato obbligazionario, l’ultima emissione del titolo del Tesoro USA a 10 anni fa registrare prezzi a 101,30 e rendimenti al 3,40%.

Verificare le quotazioni dei titoli in movimento nel preborsa aggiornate in tempo reale cliccando BOOK USA