Usa: Frodi Time Warner, 145 mln per cause legali

12 Marzo 2007, di Redazione Wall Street Italia

Time Warner, il colosso multimediale newyorchese, accantonerà 145 milioni di dollari di riserve per far fronte ai costi legali che continua a sostenere, in merito ad alcune cause per frode che le sono state mosse. Le cause sono relative alla fusione tra Time Warner, nel 2001, con l’attuale braccio Internet Aol. Secondo quanto riporta il Wall Street Journal, è la terza riserva che Time Warner creerà da quando Aol è stata accusata da diversi azionisti di aver gonfiato il proprio fatturato pubblicitario per aumentare il valore del titolo. Appena dopo la combinazione degli asset tra Time Warner e Aol, infatti, il titolo iniziò a scivolare; molti azionisti sporsero così denuncia contro la società, e in particolare contro Aol.
Lo scorso anno, Time Warner esaurì una riserva di tre miliardi di dollari, accantonando altri 615 milioni di dollari alla fine dello scorso anno.
In totale, l’ammontare che il colosso multimediale ha speso per porre fine ai numerosi contenziosi legali con gli azionisti si è attestato intorno ai 3,75 miliardi di dollari.