USA: FIDUCIA CONSUMATORI SCENDE A 106,8 IN FEB

27 Febbraio 2001, di Redazione Wall Street Italia

L’indice che misura la fiducia dei consumatori americani e’ sceso in febbraio a quota 106,8, rispetto a 115,7 di gennaio (dato rivisto); lo ha comunicato questa mattina il Conference Board, una societa’ di ricerca di New York.

L’indice ha perso oltre 35 punti dallo scorso settembre e si trova ora al livello piu’ basso dal giugno 1996.

Un calo cosi’ marcato era pienamente previsto dagli economisti, che si attendevano per febbraio un declino a 107 punti.

La forte discesa della fiducia dei consumatori e’ stata guidata dal continuo deterioramente delle attese su una ripresa dell’economia americana nella seconda meta’ dell’anno. Il cosiddetto ‘expectations index’, l’indice che misura le aspettative dei consumatori, e’ sceso in febbraio a 68,7, dopo essersi attestato a 79,3 in gennaio.

I dati del Conference Board, sebbene piu’ deboli di quelli relativi al mese scorso, sembrano in linea con quanto Alan Greenspan, il presicdente della Fed, ha ribadito due settimane fa nel suo intervento al Senato USA: “anche se la fiducia dei consumatori stia calando – diceva il banchiere centrale – almeno per adesso e’ rimasta a un livello consistente con una crescita dell’economia”.

Fiduciosa Lynn Franco, secondo cui “mentre il panorama sul breve termine continua a mostrare un forte peggioramento dell’economia, sul lungo termine la situazione sembra portare a una crescita moderata e non recessione”.