USA: CROLLA L’OCCUPAZIONE, PERDITA DI 17 MILA POSTI

1 Febbraio 2008, di Redazione Wall Street Italia

A gennaio l’occupazione nel settore non agricolo negli Stati Uniti e’ diminuita di 17 mila unita’. Il tasso di disoccupazione e’ pero’ sceso al 4.9% dal 5% precedente, le attese erano per una conferma del dato di dicembre. Il salario orario e’ cresciuto meno delle attese, +3.7% contro +3.9% del consensus.

Lo ha reso noto il Dipartimento del Lavoro.

Il dato si e’ rivelato peggiore delle stime degli economisti. Gli analisti si aspettavano in media una crescita di 70.000 posti. Rivisti al rialzo i numeri di dicembre da 18 mila a 82 mila. Il dato sull’occupazione ha mostrato una perdita che di fatto e’ la prima dal 2003. E’ un chiaro segnale di debolezza che allarma maggiormente sullo stato dell’economia degli Stati Uniti, dopo il balzo del tasso di disoccupazione al 5% lo scorso mese. Dopo il dato sul prodotto nazionale lordo, comunicato in settimana, e crollato nell’ultimo trimestre dal precdente +4.9% a un anemico +0.6%, la fotografia del mercato del lavoro Usa chiaramente dimostra che l’economia americana e’ gia’ di fatto in recessione.

Mercato difficile, migliori occasioni di investimento per i pro. Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link INSIDER

Il presidente Usa George W. Bush parla di preoccupanti segnali di indebolimento per la prima economia mondiale e sollecita l’approvazione da parte del Congresso al pacchetto fiscale mirato allo stimolo del ciclo, duramente colpito dalla crisi dei mercati immobiliare e creditizio. “Ci sono chiaramente alcuni segnali preoccupanti, gravi segnali di indebolimento dell’economia di fronte a cui occorre prendere provvedimenti”, dice. “Prima il pacchetto fiscale arriva sulla mia scrivania meglio sarà per la nostra economia”, aggiunge. Anche in presenza di alcuni segnali preoccupanti, come gli ultimi numeri del dipartimento al lavoro sugli occupati di gennaio, a parere del presidente l’economia conserva diversi punti di forza e parte delle nuove misure fiscali sono volte a stimolare gli investimenti delle imprese.

Per chi sia interessato al modo in cui viene calcolato questo importante dato macroeconomico: Come leggere i dati sul mercato del lavoro USA.

parla di questo articolo nel Forum di WSI