USA: BANCHE, MANAGER A RISCHIO, POSSIBILE USCITA IN STILE WAGONER

6 Aprile 2009, di Redazione Wall Street Italia

Il governo statunitense non esiterà a sostituire i dirigenti delle grandi banche Usa se queste avranno bisogno di più soldi pubblici per sopravvivere.

Lo ha affermato oggi il segretario al Tesoro Timothy Geithner in un’intervista alla televisione Cbs: «Se in futuro le banche avranno bisogno di aiuti eccezionali per farcela, ci assicureremo che questi aiuti siano accompagnati da condizioni non soltanto per proteggere il contribuente ma anche per essere sicuri che la ristrutturazione le renda più solide», ha detto il responsabile Usa per l’Economia, «e se questo richiede un cambio nella direzione, lo faremo».

La nuova amministrazione di Barack Obama è stata accusata di particolare durezza soprattutto nei confronti del settore automobilistico, ma oggi Geithner ha voluto sottolineare che le banche non sono al riparo, e ha ricordato i casi recenti: «Dove il governo ha agito, come con Fannie e Freddie o con Aig, dove abbiamo dovuto fare cose eccezionali per stabilizzarle, abbiamo sostituito il management e il comitato direttivo».