USA: BANCHE D’AFFARI ALZANO LE STIME DI CRESCITA

2 Dicembre 2003, di Redazione Wall Street Italia

Bear Stearns e Goldman Sachs prendono atto di una locomotiva Usa che ha ingranato la marcia alta e “ci ha fatti diventare sempre più ottimisti nel corso del 2003”, per usare le parole dell’ economista di Goldman, Jan Hatzius, e rialzano dunque le stime di crescita del Paese nel breve termine.

Il responsabile mercati di Bear Stearns, John Ryding, ha rialzato al 5%, dal precedente 4,5%, il tasso di crescita previsto per il quarto trimestre. Una crescita al 5% eguaglierebbe il livello dell’ ultimo trimestre dell’ anno del ’99. La revisione, ha spiegato l’ esperto, si è basata sull’ aumento delle ore lavorate, il calo delle richieste di sussidio disoccupazione e il balzo dell’ Ism manifatturiero a novembre, risultato ai massimi da vent’ anni.

La stima al rialzo sulla crescita Usa ha lasciato invariata la previsione di un aumento del costo del denaro di un quarto di punto in occasione della riunione della Fed il 16 marzo prossimo. Quanto a Goldman Sachs, ha dichiarato che probabilmente la crescita Usa nel primo semestre del prossimo anno risulterà più alta, al 3,5%, rispetto alla prima stima del 3% diffusa dalla società. “La spesa personale del quarto trimestre registrerà un rallentamento – ha osservato il senior economist di Goldman, Edward McKelvey – ma il resto dell’ economia sta accelerando”.

__________________________________________

Per risolvere i tuoi dubbi finanziari, ti consigliamo di provare uno strumento formidabile che ti potra’ far da guida – oggettiva e distaccata – nei tuoi investimenti: il servizio INSIDER di Wall Street Italia (costa meno di 17 euro al mese!). Se non sei gia’ abbonato, provalo per un mese utilizzando il link INSIDER