USA, AUDITOR GIORNALI DARÀ ANCHE STATISTICHE DEL WEB

18 Luglio 2007, di Redazione Wall Street Italia

(9Colonne) – New York, 18 lug – Il principale gruppo statunitense di auditing dei giornali, l’Audit Bureau of Circulations, ha annunciato che d’ora in poi misurerà la circolazione di un giornale non solo in termini di copie vendute ma anche di lettori del suo sito Internet. Non è un cambiamento da poco. Le statistiche sul numero di lettori sono un fattore chiave nelle negoziazioni sulle tariffe applicabili alle pubblicità tra giornali e inserzionisti. Questi ultimi hanno sempre misurato la salute di una pubblicazione tramite il numero di persone che acquista l’edizione a stampa ogni giorno. L’Audit Bureau pubblica i dati sulla circolazione giornaliera media di ogni giornale semestralmente. Ma il numero di chi compra le copie è andato regolarmente diminuendo negli ultimi anni, spingendo gli inserzionisti a trasferire le pubblicità su altri media. Gli editori, guidati dalla Newspaper Association of America (NAA), hanno cominciato a convincere gli inserzionisti che il dato da guardare non è solo il numero di chi compra le copie in edicola, ma il totale dei lettori del giornale, compresi quelli su Internet. L’ufficio di statistiche sulla circolazione delle testate sembra aver accolto queste istanze e da ora includerà le misurazioni del pubblico online effettuate da specialisti del settore come Scarborough Research, Nielsen//NetRatings e comScore. A novembre usciranno per la prima volta le statistiche dell’Audit Bureau of Circulations secondo il nuovo sistema: lettori della copia stampata, lettori online, dato combinato e numero di visitatori unici al sito di ogni giornale.