US BANCORP GUARDA CON OTTIMISMO ALLE BIG CAP

4 Giugno 2001, di Redazione Wall Street Italia

Brian Belski, fundamental market strategist di US Bancorp Piper Jaffray, nota che le stime sugli utili aziendali per le societa’ ad alta capitalizzazione stanno solidificandosi a una velocita’ superiore di quelle relative alle small cap.

“Infatti, le revisioni al ribasso delle previsioni sui bilanci delle societa’ inserite nell’ S&P 600 small-cap index continuano ad aumentare in numero – ha detto Belski – un’indicazione che le aziende a piu’ bassa capitalizzazione potrebbero essere a rischio di indebolimento”.

Sebbene l’analista concordi sul fatto che storicamente le small cap abbiano guidato le riprese del mercato azionario, non prevede ancora un recupero pieno del settore.

Belski sostiene infatti che il mercato si trova all’inizio di un periodo di consolidamento che dovrebbe durare per almeno due o tre trimestri prima che vi sia un’inversione di marcia.

“I piu’ significativi segnali di crescita emergono tra le big cap – ha concluso l’analista – un comparto questo con piu’ alte possibilita’ di superare le performance del mercato nei prossimi 6-12 mesi.