Uno studio su VIDAZA(R) condotto sui pazienti ad alto rischio di sindrome mielodisplastica dimo

3 Giugno 2008, di Redazione Wall Street Italia

Celgene Corporation (Nasdaq:CELG) oggi ha annunciato i risultati aggiornati di un test clinico internazionale di Fase III, che ha visto l’impiego di VIDAZA nei pazienti affetti da sindrome mielodisplastica e ha dimostrato un’estensione dei tassi complessivi di sopravvivenza rispetto alle terapie convenzionali. I dati sono stati presentati alla 44ª assemblea annuale dell’American Society of Clinical Oncology tenutasi a Chicago, IL.

Dallo studio è emerso che il tasso di sopravvivenza dopo due anni per i pazienti trattati con VIDAZA è pressoché raddoppiato, con il 50, 8 percento rispetto al 26, 2 percento per le terapie convenzionali. Tale miglioramento nella sopravvivenza è stato registrato in tutti i sottogruppi di pazienti.

Il testo originale del presente annuncio, redatto nella lingua di partenza, è la versione ufficiale che fa fede. Le traduzioni sono offerte unicamente per comodità del lettore e devono rinviare al testo in lingua originale, che è l’unico giuridicamente valido.

Celgene CorporationDavid Gryska, 908-673-9059Vicepresidente e Direttore finanziariooBrian P. Gill, 908-673-9530Vicepresidente, Comunicazioni d’impresa