Un’analisi condotta da Moody’s dimostra che la ripresa delle azioni privilegiate è comparabile

6 Novembre 2009, di Redazione Wall Street Italia

Un nuovo studio condotto da Moody’s Analytics Risk Management Services dimostra che i tassi di ripresa delle azioni privilegiate con dividendi non dichiarati superano quelli delle obbligazioni non subordinate di quasi il 50% quando la mancata dichiarazione non è seguita da inadempienza generale dell’obbligazione. Quando il deterioramento iniziale corrisponde a tale mancata dichiarazione dei dividendi, i tassi di recupero delle azioni privilegiate tipicamente sono comparabili a quelli delle obbligazioni non garantite e non subordinate inadempienti. Inoltre lo studio ha determinato che i tassi di recupero delle azioni privilegiate variano notevolmente secondo la natura del deterioramento iniziale. Il testo originale del presente annuncio, redatto nella lingua di partenza, è la versione ufficiale che fa fede. Le traduzioni sono offerte unicamente per comodità del lettore e devono rinviare al testo in lingua originale, che è l’unico giuridicamente valido.

Moody’s CorporationMichael Adler, 212-553-4667Vicepresidente, Comunicazioni [email protected]