Un altro luglio da ricordare, ma si prevede un fine anno amaro

30 Luglio 2010, di Redazione Wall Street Italia

Il miglior bilancio mensile dal luglio del 2009. Cosi’ gli ultimi 30 giorni di borsa a Wall Street. Le performance sono di buon auspicio per il terzo trimestre. La domanda che sorge dunque spontanea tra gli operatori e’: questo trend continuera’ per il resto dell’anno?

La storia puo’ fornire qualche spunto. Sin dal 1929, nel mese di luglio il Dow ha guadagnato terreno 50 volte. Dal 1951, l’S&P lo ha fatto in 31 occasioni che scendono a 19 per il Nasdaq (partendo in quest’ultimo caso dal 1972).

Nelle rispettive occasioni, gli indici hanno registrato segni positivi anche sul trimestre, rispettivamente nel 76%, nell’84% e nell’89% dei casi citati. Luglio in generale, come ricordato da Stock Trader’s Almanac, e’ tipicamente il mese migliore per Dow e S&P rispetto ad agosto e settembre.

Nonostante i solidi guadagni nell’ultimo mese, i principali indici sono in territorio negativo se il bilancio viene fatto da inizio anno. Cosa c’e’ da aspettarsi per fine 2010? Una risposta potrebbe arrivare dalla correlazione esistente proprio tra bilancio annuale e primi sette mesi dell’anno.

Se vuoi guadagnare anche in fase di ribasso con i titoli e i comparti giusti, segui INSIDER. Se non sei abbonato, fallo subito: costa solo 0.86 euro al giorno, provalo ora!

Dal 1929, l’83% delle volte la direzione suggerita dall’andamento gennaio-luglio rispetto all’anno prima e’ quella che poi si e’ confermata a fine anno. Dal 1951, cio’ e’ avvenuto nel 90% dei casi, se si considera l’S&P 500. Sul Nasdaq, la stessa cosa si e’ verificata l’84% delle volte dal 1972.

Dare piu’ peso al bilancio di luglio o a quello da inizio anno? Non resta che vedere.