Società

ULTIMA CONFERMA: DJIA E DJTA
AL TOP INSIEME

Questa notizia è stata scritta più di un anno fa old news

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell’ autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di Wall Street Italia, che rimane autonoma e indipendente.

(WSI) –
Un 2007 ancora all’insegna del Toro in Borsa. A dare una nuova (ed ennesima) conferma sullo stato di salute dei listini è la «madre» di tutte le teorie di analisi tecnica. Quella del fondatore della disciplina in Occidente, Charles Dow.

I due indici più antichi, il Dow Jones Industrial Average (composto da 30 titoli) e il Dow Jones Transportation Average (20 titoli) hanno infatti realizzato da poco nuovi massimi. E questo, secondo la dottrina, dovrebbe preludere a un nuovo incremento delle quotazioni. L’Industrial ha fatto segnare un nuovo massimo intraday il 2 febbraio a 12.700,28 punti, il Transportation il 7 febbraio a 5.032,41. Ma mentre il primo continua a registrare nuovi record storici da qualche mese, il Transportation si è prodotto in un forte rally solo da inizio anno, salendo di oltre l’8 per cento. Non a caso i movimenti del Transportation sotto osservazione per gli analisti tecnici. Ai due tentativi precedenti di sfondare nuovi top (ottobre e novembre 2006) erano seguite improvvise flessioni. Questa volta, invece, dopo la conferma che l’economia Usa sta riaccerelando la propria crescita, le società incluse nell’indice hanno iniziato a correre.

APPENA 299 TITOLI QUOTATI SU BORSA ITALIANA, BEN 5.964 TITOLI QUOTATI SU NASDAQ E NYSE. CHE ASPETTI? E QUI SU WALL STREET ITALIA TROVI LE QUOTAZIONI IN TEMPO REALE E IL BOOK A 15 LIVELLI DI TUTTE LE AZIONI AMERICANE! CLICCA SU >>>[TOTALVIEW]<<< ALL'INTERNO DI INSIDER

Il trend rialzista, quindi, dovrebbe proseguire, tenuto conto che il rally è stato corale e non guidato da una manciata di titoli. Va detto che la teoria di Dow, in origine, non era utilizzata per prevedere movimenti e prezzi dei titoli, ma si focalizzava sui trend generali. In sostanza dal comportamento dei due indici si potevano valutare le condizioni generali del business.

Come con un barometro. Il Dow Industrial «tastava» il polso al comparto della produzione, mentre il Dow Transportation «controllava» che le merci fossero movimentate. Una conferma della teoria (ma al contrario), si è avuta nel 2000, quando il Dj Industrial realizzò un nuovo massimo il 14 gennaio a quota 11.750, ma l’evento non venne confermato dal gemello Transportation, che distava il 27% dal proprio top. E tutti sappiamo quale disastro accadde pochi mesi dopo.

Copyright © Bloomberg – Borsa&Finanza per Wall Street Italia, Inc. Riproduzione vietata. All rights reserved