Uk: Va airways, Branson pronto a riacquistare 49 %

11 Luglio 2007, di Redazione Wall Street Italia

Il miliardario britannico Richard Branson potrebbe riacquistare il 49 per cento della compagnia aerea Virgin Atlantic Airways Ltd, qualora Singapore Airlines Ltd lo mettesse in vendita. “Saremo lieti di esaminare la loro partecipazione, se Singapore volesse venderla”, ha detto Branson. “È una possibilità concreta il fatto che potremmo ricomprarla”. Virgin Atlantic, fondata da Branson nel 1984, copre ventotto destinazioni ed è impeganta ad ampliare la sua attività con nuovi aerei e nuove rotte. Singapore Airlines aveva comprato la partecipazione per 600,3 milioni di sterline (pari a 887 milioni di euro) nel 1999, accedendo così a nuove rotte transatlantiche e fornendo così a Branson i capitali per investire nei settori telefonico e internet.
La vendita della quota è “qualcosa che credo Singapore stia valutando”, ha detto l’amministratore delegato di Virgin Atlantic, Steve Ridgway, ieri a Hong Kong. “Singapore Airlines è un azionista di rilievo, e questo può cambiare oppure no”, ha aggiunto.
Singapore Airlines avrebbe avuto contatti con alcune banche d’affari riguardo la propria partecipazione nella compagnia di Branson, che potrebbero sfociare in una vendita per 1 miliardo di sterline (1,5 miliardi di euro) o in un’offerta pubblica, scriveva l’altro giorno il giornale londinese Daily Telegraph. Stephen Forshaw, portavoce di Singapore Airlines, invece, non ha voluto rilasciare commenti. “Virgin Atlantic ha studiato a lungo il progetto di un collocamento”, ha detto Ridgway. La compagnia aerea potrebbe effettuarlo “se il momento fosse giusto e il mercato fosse quello giusto”, ha aggiunto. Singapore Airlines e la controllante, Temasek Holdings Pte, sono impegnate in trattative per comprare una partecipazione in China Eastern Airlines Corp.
Intanto Virgin Media, il secondo network via cavo inglese, è stata contattata per un’offerta ma non è ancora entrata in alcun negoziato. Lo ha fatto sapere la società partecipata al 6,5 per cento dal gruppo Virgin di Branson, che ha confermato i contatti emersi, ma non ha voluto indicare da chi abbia ricevuto proposte. Virgin Media – si legge in una nota – sta valutando le sue opzioni strategiche, inclusa la vendita del gruppo. La proposta è soggetta a varie condizioni, inclusi una due diligence e un periodo di negoziati in esclusiva – si legge ancora – e verrà ritirata se i termini saranno resi noti. Secondo indiscrezioni Virgin Media avrebbe dato a Goldman Sachs l’incarico di trovare un possibile acquirente. A farsi avanti sarebbe stato il gruppo Carlyle. Si parla di un prezzo superiore ai dieci miliardi di dollari.