Uk: Ryanair lancia Opa su Aer Lingus

6 Ottobre 2006, di Redazione Wall Street Italia

Ryanair cerca di allargare i propri orizzonti. La maggior compagnia low cost europea offre 1.481 milioni di euro a Aer Lingus e conferma di aver già acquistato il 16 per cento della compagnia irlandese. Se l’operazione andasse a buon porto, per la prima volta una compagnia low cost europea realizzerebbe voli transatlantici. Aer Lingus infatti vola negli Stati Uniti: New York, Chicago, San Francisco, Dallas, Denver, Los Angeles, ma non solo; anche a Dubai e molte città europee.
Ryanair offrirebbe 2,8 euro per ogni azione della Aer Lingus. La notizia provoca una reazione immediata sui mercati. Le azioni della new entry Aer Lingus, in Borsa da quattro giorni, fanno il botto, mentre Ryanair cede.
“Questa offerta rappresenta un’opportunità unica per creare una compagnia aerea forte in Irlanda e anche per i viaggiatori europei. Amplieremo e miglioreremo le operazioni di Aer Lingus”, segnala in un comunicato l’amministratore delegato di Ryanair, Michael O’Leary, aggiungendo che “l’offerta, se si concluderà, implicherà che entrambe le compagnie continueranno ad operare separatamente e saranno concorrenti nelle rotte che hanno in comune, 17 su un totale di 500”.
L’operazione porterà alla nascita di una compagnia aerea con circa 50 milioni di passeggeri all’anno, all’altezza di rivali come Lufthansa-Sas-Swiss, con 75 milioni di viaggiatori, e Air France-Klm, con 70 milioni.
A stretto giro il consiglio di amministrazione di Aer Lingus respinge la proposta di acquisizione. Lo rende noto la compagnia aerea irlandese la quale precisa di aver avvertito gli azionisti di non aderire all’offerta. “L’approccio di Ryanair è ostile, interamente opportunistico e sottovaluta in maniera significativa il business del gruppo, così come l’attraente potenziale di crescita di lungo termine”, afferma il presidente di Aer Lingus, John Sharman.