UBS: TIMORE DI ARRESTI NEL PRIVATE BANKING

28 Maggio 2008, di Redazione Wall Street Italia

Ubs avrebbe chiesto ai componenti del team di private banking responsabile dei clienti ricchi americani di evitare viaggi negli Usa. La banca svizzera, secondo indiscrezioni, avrebbe altresi’ messo a disposizione avvocati ai 50 e piu’ banchieri coinvolti, molti dei quali comunque hanno gia’ lasciato l’istituto lo scorso novembre a causa delle indagini per frode fiscale gia’ in corso e ai timori che la banca non li sostenesse nel caso di arresto.