TURISMO: GLI ITALIANI VIAGGIANO, MA SENZA AEREO

13 Agosto 2002, di Redazione Wall Street Italia

Gli attacchi terroristici dello scorso anno sul suolo americano non hanno cambiato drasticamente la propensione al movimento degli italiani. Ma ne hanno sicuramente condizionato i modi e i mezzi utilizzati sia per la vacanza che per il lavoro.

“L’11 settembre non ha influito sul numero delle vacanze e dei viaggi di lavoro degli italiani”. Da quanto riportano le statistiche dell’Istat, presentate quest’oggi, parrebbe che sul settore del turismo solo le compagnie aeree abbiano riportato seri danni alle proprie performance.

Leggendo i dati forniti dall’ufficio nazionale di statistica, infatti, negli ultimi quattro mesi 2001, la tendenza è stata addirittura positiva e in miglioramento rispetto al 2000. I viaggi sono aumentati dai 19,13 milioni del 2000 a 22,18 milioni.

In rosso troviamo però alcune voci come quella delle vacanze all’estero che ha segnato un calo del 5,3%. Frenata più netta invece per l’uso dell’aereo, sceso nei quattro mesi presi in esame del 21,6%.

I dati confermano, in definitiva quanto già scontato dai mercati, ossia la vendita massiccia di titoli di compagnie aeree (Alitalia e Gandalf) e il riposizionamento su titoli spesso definiti difensivi, come quelli legati alla rete autostradale italiana.

Gli investitori nel tempo hanno anche alleggerito le posizioni su titoli come Viaggi del Ventaglio che hanno grossi margini soprattutto dai voli aerei internazionali.

A Piazza Affari, gli esili volumi di questa giornata ferragostana non sono particolarmente significativi, ma Alitalia viaggia, comunque, con un passivo di oltre tre punti percentuali, mentre la compagnia di Orio al Serio segna un ribasso superiore ai due punti percentuali.

Vendite anche per Viaggi del Ventaglio, mentre Autostrade è poco sotto la parità.

Per le quotazioni e i grafici IN TEMPO REALE di tutti i titoli azionari quotati a Piazza Affari, forniti da Borsa Italiana e relativi agli indici Mibtel, Mib30, Nuovo Mercato, Midex, Mibtes, Star, e inoltre per le convertibili, i derivati su titoli, indici (covered warrant) e per l’after hours clicca su Borsa Italiana