Truffa IronFx: in Cina si è aperto processo penale

27 Marzo 2017, di Alessandra Caparello

PECHINO (WSI) – Si è svolta nei giorni scorsi la prima udienza penale contro due importanti manager di IronFix, Peter Han e Sie Yong interrogati dinanzi al giudice della Corte distrettuale di Shangai.

Il caso IronFx

Ricapitolando brevemente i fatti, la IronFx è un forex broker, ossia un fornitore di trading on line sul mercato e altri derivati attraverso una propria piattaforma elettronica. Questi strumenti finanziari hanno la caratteristica di non essere negoziati su una piazza centralizzata e dato che il cliente negozia con il broker, le perdite del cliente si traducono in profitti per il broker, viceversa i profitti del cliente sono perdite per il broker.

IronFX ha sede a Cipro, dove si sottopone alla regolamentazione e al controllo dell’ente di supervisione finanziaria di Cipro ma è autorizzata ad operare in tutta Europa, senza bisogno di particolari licenze.

Dal bilancio 2014 risulta che IronFx ha realizzato alti profitti fino al 2014 ma alla fine dellanno la liquidità era scarsa, a fronte di costi sempre molto elevati. È molto probabile che la crisi abbia causato una perdita di fiducia da parte dei clienti, che hanno iniziato a chiedere il prelievo dei fondi. A partire dal gennaio 2015, moltissimi clienti europei ed extraeuropei, tra cui cinesi, si siano visti rifiutare il prelievo dei propri fondi da IronFX.

Il processo penale in Cina

Dopo quasi tre anni di indagine, si è aperto in Cina il processo penale contro il ceo di IronFx Peter Han  e il suo braccio destro Sie Yong. Dai verbali dell’udienza tenutasi lo scorso 22 marzo, emerge che alla domanda del procuratore sulla segregazione dei fondi dei clienti, Han ha declinato ogni responsabilità affermando di dover controllare solo l’assunzione di personale e trovare nuovi modi per attirare nuovi clienti, così allo stesso modo anche Yong ha sostenuto di non saper nulla in merito.

I due manager di IronFx rischiano 5 anni di reclusione ma se il tribunale li condannerà per frode civile e restituiranno il maltolto potrebbero anche ricevere una pena ridotta.