Triboo: Corno spiega l’accordo con Confindustria (Piccola Industria)per la fornitura di mascherine

16 Aprile 2020, di Leopoldo Gasbarro

Le aziende italiane si preparano alla Fase 2 dell’emergenza coronavirus, che prevede la graduale riapertura degli impianti produttivi. Uno degli elementi più importanti in questo momento è quello di garantire ai lavoratori di operare in condizioni di sicurezza per evitare il rischio di ulteriori contagi.
Per soddisfare questa esigenza Triboo, Gruppo attivo nel settore digitale, quotato sull’MTA, da anni presente in Cina con la sua filiale di Shanghai, ha siglato un accordo quadro con Piccola Industria di Confindustria per la fornitura alle 150.000 aziende associate di mascherine chirurgiche.

Abbiamo chiesto a Giulio Corno, fondatore di Triboo, il perchè di questa iniziativa

“Noi ci siamo sempre impegnati in questo contesto di difficoltà a fare la nostra parte fin dall’inizio. Abbiamo tante collaborazioni con il mercato cinese, per cui il nostro coinvolgimento è stato subito importante, ancor prima che Covid-19 arrivasse da noi.
Quello che però ci ha fatto decidere di intraprendere quest’iniziativa con Confindustria è stato il malessere che ha generato in noi la spregiudicatezza con cui alcuni hanno speculato e, continuano a farlo, approfittando di un momento di forte difficoltà del Paese e delle persone. I prezzi delle mascherine sono da Borsa Nera da tempi di guerra. Ma non siamo in guerra. Non è accettabile che ci sia qualcuno che faccia sciacallaggio in maniera così squallida delle esigenze, ormai diventate di prima necessità, di persone e famiglie. Noi abbiamo voluto questa iniziativa non per guadagnare, tant’ è che pubblicheremo costantemente i bilanci per evidenziare che la nostra sarà sempre e soltanto una iniziativa etica, ma per dare una mano concreta alle famiglie ed al Paese in un momento così difficile”.

L’accordo con Confindustria testimonia la forza del vostro impegno?

“La fiducia ricevuta, di cui ringraziamo Confindustria, rappresenta un segnale forte da parte delle imprese italiane di quanto sia necessario in questo ambito trovare interlocutori affidabili e lontani da quella idea di azione immorali che ha contraddistinto l’operato di tanti in questo momento di necessità. Noi vogliamo esserci, vogliamo dare una mano alle imprese e ai loro dipendenti e vogliamo farlo nel pieno rispetto di etica e correttezza morale.”

L’accordo quadro sottoscritto con Confindustria consentirà a Triboo (che controlla questa testata online) di sviluppare questa attività su scala nazionale per tutti gli associati Confindustria con tempi di consegna di 10/15 giorni grazie all’attività di supporto logistico fornita in loco dalla filiale di Shanghai e con il superamento di ogni problematica relativa all’importazione dei dispositivi.
Ogni ordine di mascherine EN 93/42 ricevuto dalle imprese associate al sistema Confindustria darà origine ad una donazione, a carico di Triboo, di un quantitativo pari al 20% dell’ammontare totale a favore della Protezione Civile.