TREMONTI: CON L’EURO IL CAROVITA E’ STATO BESTIALE

6 Novembre 2003, di Redazione Wall Street Italia

“Con il carovita che c’è stato è già tanto se uno riesce a sopravvivere. Questo onestamente va detto”. Il ministro dell’Economia, Giulio Tremonti ha pochi dubbi. Il decollo dei prezzi ha un preciso responsanile: la moneta unica europea. “Il carovita è stato bestiale dopo l’introduzione dell’euro. Questo è il punto fondamentale”.

Tremonti, interviene alla trasmissione ‘Occhio alla spesa’ di Rai 1, e rilancia l’ipotesi da lui lanciata di realizzare la banconota da 1 euro. “Siamo entrati nell’euro – dice il ministro – pianificando la riduzione dell’inflazione e tutto doveva essere meglio. In realtà è stato l’opposto. Io ho chiesto subito di fare la banconota da 1 euro, che era la scoperta dell’acqua calda”. Se fosse stata realizzata infatti, secondo Tremonti, “non ci sarebbe stato il raddoppio 1.000
lire-1 euro. Non bisogna essere dei geni economici per capirlo”.

Poi arriva l’affondo verso il sistema bancario. “I banchieri non sono dalla nostra parte, perchè continuano a mettere 1.000 difficoltà, come per esempio che stamparlo costa troppo”. Alla domanda se lui ha possibilità di “governarli”, il ministro replica secco: “I banchieri europei, quella roba lì? Mica tanto. Nel senso che noi in Europa siamo soci importanti, ma non abbiamo la maggioranza. Dobbiamo insistere. Perché l’euro deve essere come il dollaro, che mi sembra un prodotto di successo. Perchè non copiarlo?”.

Infine Tremonti è tornato a puntare l’indice contro la concorrenza della cina e in genere dei paesi orientali. “Se sei un’impresa italiana o europea non puoi competere, con tutte le regole e i costi che abbiamo, contro chi non ha regole e non ha costi: è come combattere con le mani legate”.

Copyright © la Repubblica per Wall Street Italia, Inc. Riproduzione vietata. All rights reserved

__________________________________________

Che tu sia d’accordo o no, ti preghiamo di farci conoscere la tua opinione. I commenti migliori, redatti in forma di articolo, saranno selezionati e pubblicati su Wall Street Italia. Per scriverci utilizza il link Scrivi a WSI

__________________________________________

Per continuare a dibattere in diretta online questo tema iscriviti al Forum di Wall Street Italia. Se non sei gia’ registrato, utilizza il link FORUM