Società

TRADING ONLINE:
5 PIATTAFORME
SOTTO LA LENTE

Questa notizia è stata scritta più di un anno fa old news

Il contenuto di questo articolo esprime il pensiero dell’ autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di Wall Street Italia, che rimane autonoma e indipendente.

(WSI) –
L’industria del trading on line offre
una grande possibilità di scelta tra numerose
piattaforme di analisi tecnica.
Da anni il punto di riferimento del settore
per completezza, facilità di utilizzo
e per la progettazione dei trading
system è sicuramente Tradestation
2000 di Omega research, ma negli ultimi
due anni nuove piattaforme si
sono affacciate sotto le luci della ribalta
decise a ritagliarsi un posto di primo
piano nel mondo del trading on line.
Tradestation è il software più diffuso al
mondo e quello su cui nel corso del
tempo si è sviluppata la più ampia letteratura
in materia di trading system.

Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link INSIDER

Uno dei motivi di successo della piattaforma
risiede nel linguaggio di derivazione
Pascal molto semplice (denominato
appunto Easy language) ma al
tempo stesso completo. Tradestation
consente di realizzare e testare con efficacia
le proprie idee di trading accontentando
le esigenze anche degli
utenti più smaliziati. Purtroppo la
piattaforma non eccelle dal punto di
vista grafico, aspetto che sembra risentire
del peso degli anni. Il software può
essere integrato dal Rina portfolio evaluator
per effettuare il testing di portafoglio
e la definizione di strategie di
money management e asset allocation.

ARRIVA TRADESTATION 8

Negli Usa oramai Tradestation 2000 è
considerato obsoleto e non è più oggetto
di aggiornamento: è stato infatti
sostituito dalla nuova versione chiamata
Tradestation 8 (www.tradestation.
com) che si propone come non
plus ultra per la progettazione dei trading
system. Il linguaggio è stato potenziato,
sono stati risolti alcuni piccoli
ma fastidiosi bug che affliggono la
versione 2000, la parte grafica è stata
potenziata. Un importante punto di
forza risiede nel mettere a disposizione
dell’utente storici tick by tick di
svariati anni di lunghezza sia per il
daily sia per l’intraday; inoltre la piattaforma
è diventata anche dispositiva
in quanto Tradestation si è trasformato
in broker. Proprio questo è l’aspetto che per ora ha frenato la diffusione del
software in Europa, poiché per usufruire
della piattaforma Tradestation 8
occorre aprire un conto negli Usa.
Negli ultimi tempi la Ts support
(www.tssupport.com) ha però messo
in produzione un software che viene
incontro alle esigenze dei trader europei.

Questo software è denominato
Owndata e funge da interfaccia attingendo
ai dati di fornitori esterni come
ad esempio eSignal in modalità on
demand (quindi se viene a mancare il
dato da un fornitore esso viene richiamato
da altre fonti, se disponibili). In
questo modo facendo lavorare Tradestation
8 in offline è possibile alimentarlo
con i dati dei mercati europei che
non sono attualmente disponibili ed,
eventualmente, fare trading completamente
in automatico (ricordiamo che
la Consob impone un tasto di conferma
dell’ordine per il mercato italiano).

A differenza della vecchia versione
2000 il nuovo Tradestation 8 consente
di operare in modo completamente
automatizzato con ordini
stop e limit che vengono inviati direttamente
sui server dell’intermediario.
Con Tradestation 2000 invece
gli ordini vengono inviati al
broker a mercato solo nell’istante in
cui il trading system raggiunge il livello
operativo con un conseguente incremento
dello slippage, definito come
la differenza tra il prezzo teorico stabilito
dal trading system e quello effettivo
spuntato sul mercato.

IL BASSO PREZZO DI METASTOCK

Per anni concorrente storico di Tradestation
2000 è stato il software Metastock,
prodotto dalla Equis (www.equis.com).
Il prezzo molto più basso rispetto al
diretto rivale, l’affidabilità e le buone potenzialità grafiche ne hanno agevolato
la diffusione al grande pubblico
consentendogli di trovare una vasta
platea di affezionati sostenitori. Purtroppo
la sintassi del linguaggio è poco
flessibile e dotata di potenzialità inferiori
rispetto al software di Omega
research e per questo si presta con più
difficoltà alla progettazione di trading
system professionali. I dati di borsa per
alimentare le piattaforme possono
essere acquistati o da fornitori esterni
per i dati end of day o scaricati in
modalità Dde dal proprio broker.

Una variante made in Italy del Metastock
che si indirizza allo stesso target
di clientela è rappresentata dal software
Visual trader sviluppato da Traderlink
(www.Traderlink.it). La piattaforma
ha subito negli ultimi anni un
aggiornamento continuo sia nella
parte grafica-informativa sia nell’area
trading system, ma ancora tanti sono i
miglioramenti in agenda, come spiega
Luca Ricchi di Traderlink, secondo il
quale sono allo studio alcune nuove
funzionalità che renderanno il Trading
system di Vt ancora più potente. Fra
queste la possibilità di utilizzare più titoli
sullo stesso Ts in modo da operare
«per confronto», l’utilizzo di compressioni
temporali differenziate contemporanee
sul titolo in modo analizzarlo
istantaneamente su scenari differenti.

Visual trader, oltre a fornire direttamente
i dati di borsa ai propri clienti,
ha anche un carattere dispositivo: si
può infatti utilizzare per inviare gli ordini
d’acquisto e di vendita a due delle
principali società d’intermediazione
italiane. I punti di forza della piattaforma,
secondo Ricchi, sono la fruibilità
di impiego e l’attenzione nei
confronti del cliente il quale è coadiuvato
da un customer care di ottimo livello.
Gli utenti, soprattutto i meno
esperti, vengono seguiti dal reparto assistenza
anche nella risoluzione di
eventuali problemi. L’attenzione verso
la formazione degli utenti ha portato
da sempre alla ricerca di un contatto
diretto tramite corsi di formazione tenuti
in tutta Italia.
Sono anche usciti due libri scritti in
collaborazione con esponenti di spicco
del mondo del Tol.

I PUNTI DI FORZA DI ESIGNAL

Uno dei concorrenti di Tradestation
più agguerriti e celebrati arriva ancora
una volta dagli Usa dove è stato considerato
da 14 anni consecutivi migliore
servizio di dati in tempo reale (fonte
S&c awards, 2006). Ci riferiamo a eSignal
(www.esignal.it), che è leader
nella fornitura dati in tempo reale di
tutti i mercati mondiali. eSignal rappresenta
attualmente il quarto più
grande fornitore dati in tempo reale, il
primo fornitore al mondo per clientela
privata, con oltre 200 mila postazioni
attive, e più di 5,5 milioni di titoli
seguiti in tecnologia streaming push.
eSignal mette a disposizione diverse tipologie
di piattaforme per le diverse
esigenze degli operatori, dal trader
privato indipendente all’organizzazione
istituzionale.

Secondo Massimiliano Del Corona,
rappresentante italiano di eSignal, i
punti di forza della piattaforma sono
molteplici: i trader discrezionali
hanno a disposizione tutti i tipi di
charting (Market profile compreso)
tutti i time frame, tutti gli strumenti
grafici, un elevatissimo numero di indicatori
e la possibilità di costruirne di nuovi. I trader meccanici hanno a disposizione
un linguaggio potente, derivato
dal Javascript 1.5, la funzione
backtesting di ultima generazione e
quella replay. Per venire incontro alle
esigenze dei trader, eSignal ha inoltre
incluso nella piattaforma un software
compilatore, Formula wizard, che permette
la costruzione di indicatori e
trading system senza dovere necessariamente
sapere programmare. eSignal
è compatibile con la maggior
parte dei software per il trading automatico.
Si interfaccia direttamente sia
con Tradestation 2000 sia con Metastock,
mettendo a disposizione dell’utente
anche la funzione di recupero
dati intraday.

Coloro che lo desiderano hanno
accesso ai migliori studi Add-on, e
volendo fino alle punte di diamante
Advanced Get e Dynamic trend
profile reputati attualmente il top
della ricerca di oltre oceano nell’ambito
del trading professionale. La nascita
del linguaggio eSignal formula script
(Efs), molto più recente rispetto all’Easy
language, fa sì che ci sia molto poca
letteratura sui trading system realizzati
con questa sintassi, ma gli sviluppatori
stanno colmando velocemente il
gap con un forum, anche italiano,
molto attivo e con videocorsi on line.

SILENZIOSO PROREALTIME

Tra le nuove realtà del mondo del trading
on line si è ritagliata un proprio
spazio la piattaforma Prorealtime
(www.prorealtime.com), azienda parigina
che ha impostato una strategia
commerciale silenziosa basata sul passaparola
delle comunità internet preferendole
alle pubblicità e alle fiere.
L’azienda punta tutto su una piattaforma
facile e intuitiva con un buon rapporto
qualità-prezzo. La tariffa di connessione
al programma e la ricezione
dei dati end of day è gratuita. L’abbonamento
dati intraday è invece a pagamento
con una struttura modulare:
ogni mercato addizionale viene pagato
con un costo a parte. La piattaforma,
progettata con tecnologia Java
consente di fare scansioni di tutto il
mercato in real time e con un modulo
aggiuntivo, definito Probacktest, offre
l’opportunità anche a chi non è un
esperto programmatore di realizzare
propri indicatori e strategie in modo
semplificato.

ARRIVA MULTICHARTS

Infine segnaliamo una prossima anteprima
per il mercato italiano. La Ts support,
fonte inesauribile di novità, ha
ideato una piattaforma di nuova generazione
denominata Multicharts, dotata
di potenzialità grafiche molto elevate
e di un editor pienamente compatibile
con l’Easy language di Tradestation
a un costo molto inferiore a quello
della più nota capostipite.

È quindi
possibile importare tutti i codici in modalità
Easy language senza bisogno di
adattamenti, siano essi indicatori o trading
system. Nelle intenzioni dell’ideatore
Dennis Globa c’è di presentare
presto una versione che incorpori la
possibilità di testare, oltre a singoli mercati,
strategie di money management su
interi portafogli. La piattaforma può
funzionare con modalità on demand
sia in real time sia in end of day e consente
di costruire una propria banca
dati partendo da singole parti di storico
anche di formati diversi tra loro.
Nella prossima versione beta è prevista
l’introduzione della possibilità di automatizzare
completamente l’operatività
dei trading system.

Copyright © Il Valore per Wall Street Italia, Inc. Riproduzione vietata. All rights reserved