TORNANO GLI ESAMI DI RIPARAZIONE

3 Ottobre 2007, di Redazione Wall Street Italia

(9Colonne) Roma, 3 ott – La scuola italiana cambia ancora fisionomia. Anche se questa volta si tratta di un ritorno al passato. A distanza di 12 anni dall’abolizione del 1995, anno della riforma D’Onofrio, infatti, tornano gli esami di riparazione per le secondarie superiori. Ad annunciare il provvedimento, in viore dal 2008, è stato oggi il ministro dell’Istruzione Giuseppe Fioroni che, dati alla mano, ha spiegato il ripristino dell’esame come una vera e propria necessità. “Quarantadue studenti italiani su 100 vengono ammessi con debito alla classe successiva e solo uno su quattro lo recupera. Gli altri vanno avanti comunque – ha spiegato il titolare della Scuola, in occasione della firma del decreto –. Sarebbe imperdonabile prendere atto di questa situazione, che è grave culturalmente e socialmente, e non fare nulla”. In definitiva, il sistema dei debiti resta. Ciò che cambia è che gli studenti dovranno dimostrare di averli superati: in caso contrario il ragazzo andrà fermato.