TORNA A TRENTO IL FESTIVAL DELL’ECONOMIA

19 Marzo 2007, di Redazione Wall Street Italia

(9Colonne) – Trento, 19 mar – Dal 30 maggio al 3 giugno torna a Trento il Festival dell’Economia. Si comincia con una lezione magistrale di Partha Dasgupta (Cambridge), su “Capitale sociale come istituzione economica”. A chiudere il grande appuntamento con un approfondimento su “Il capitale umano nel XXI secolo” sarà invece il premio Nobel Gary Becker. Per cinque giorni i protagonisti saranno economisti italiani e internazionali fra i migliori, insieme a storici e filosofi, giuristi e antropologi, sociologi e linguisti, giornalisti ed esperti della comunicazione, imprenditori, politici e rappresentanti delle istituzioni. A loro il compito di affrontare le tante facce del tema-guida di quest’anno “Capitale umano, capitale sociale”. Secondo Tito Boeri, coordinatore scientifico dell’iniziativa, “la crescita economica di un Paese dipende in gran parte dal suo capitale umano e sociale. Sono beni che il mercato tende a fornire in maniera insufficiente. Quando c’è più capitale sociale c’è meno bisogno dello stato e dunque, se il capitale umano genera più capitale sociale, è vero anche l’opposto: più capitale sociale permette di migliorare la quantità e la qualità dell’istruzione”. L’edizione 2007 del Festival punta a ripetere lo straordinario successo dell’anno scorso. Gli appuntamenti saranno distribuiti su cinque giorni anziché quattro, con incontri, dibattiti, dialoghi accessibili a tutti, dagli studenti agli operatori economici, dai risparmiatori e consumatori ai manager. Le oltre 50.000 presenze dello scorso anno potrebbero essere superate grazie sia al pubblico italiano sia ad una componente internazionale in crescita. Nel capoluogo trentino si riuniranno economisti provenienti da alcune fra le più prestigiose università del mondo: MIT, Harvard, New York University, Princeton, Sorbona, Carlo III di Madrid, per citarne solo alcune. Sono in programma discussioni sulle grandi questioni della vita pubblica italiana, con relatori dell’autorevolezza di Sergio Romano, Umberto Galimberti, Tullio De Mauro, Stefano Rodotà, Ilvo Diamanti. Sarà presente anche il presidente del Consiglio Romano Prodi.