TORNA A PARLARE IL GUFO DEI GUFI, ALERT BANCHE

26 Marzo 2009, di Redazione Wall Street Italia

(WSI) – L’azionario statunitense cedera’ ancora terreno e il governo nazionalizzera’ altre giganti della finanza, con l’economia che subira’ una contrazione almeno sino alla fine del 2009. Queste le previsioni cupe di Nouriel Roubini, l’economista che ha predetto lo scoppio della crisi economica.

“Il mercato azionario e’ un po’ piu’ avanti rispetto a quella che e’ la reale situazione macroeconomica e finanziaria”, ha osservato in un’intervista concessa a Bloomberg Roubini, professore alla Stern School of Business della New York University e presidente della societa’ di consulenza che porta il suo nome, la Roubini Global Economics. “Ci saranno delle grosse banche che si gonfieranno talmente che dovranno essere nazionalizzate”.

Le previsioni di Roubini sono in netto contrasto con quelle annunciate questa settimana da Mark Mobius di Templeton Asset Management Ltd e di Barton Biggs di LLC, secondo cui l’azionario e’ destinato a rimbalzare, mentre gli sforzi compiuti dal governo per rilanciare l’economia incominciano a sortire i primi effetti. Gli investitori sono “di gran lunga troppo ottimisti” sulle prospettive di un recupero dell’economia e degli utili societari”, ha aggiunto l’economista.

Fonte: Bloomberg