Toll Brothers, su mercato immobiliare USA pesa sfiducia consumatori

17 Giugno 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Non è la fine della sospensione delle tasse sulle costruzioni ad impattare negativamente il mercato delle case negli USA, ma la ancora traballante fiducia dei consumatori. Questo quanto anticipato ieri sera dal costruttore di case di lusso Toll Brothers, i cui dati spesso sono visti come anticipatori delle statistiche governative sul mercato immobiliare a stelle e strisce. La compagnia, in un inusuale aggiornamento di metà trimestre, ha affermato che nelle passate settimane gli ordini hanno visto un rallentamento. Secondo il management il dato è da imputare non tanto alla fine di alcune agevolazioni per i costruttori, quanto alla insicurezza dei consumatori, che in questi ultimi tempi sono stati sfiduciati da una serie di notizie negative tra cui la debolezza del mercato del lavoro, il disastro nel Golfo del Messico, i problemi finanziari dell’Europa e la volatilità dei mercati finanziari. Tutto questo, secondo il costruttore, avrebbe impattato negativamente l’outlook dei consumatori americani, pesando – testuali parole di Toll Brothers – sulla “psiche della nazione”. La società ha comunque assicurato che nonostante tutto il periodo più “nero” del mercato immobiliare (fine 2008, primi mesi 2009) è ormai un ricordo. Ricordo o meno, il titolo della società sta cedendo al Nyse quasi quattro punti percentuali.