Tokyo riparte con debolezza, voci intervento

24 Settembre 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Seduta all’insegna della debolezza per la borsa di Tokyo, che ha riaperto i battenti oggi, dopo la pausa di ieri per festeggiare l’equinozio di autunno. Sono rimaste chiuse invece anche oggi Shangai e Hong Kong. Sul Listino nipponico, hanno pesato i dati sul mercato del lavoro statunitense, con le richieste per i sussidi alla disoccupazione che hanno registrato un incremento inatteso. Nel frattempo nelle sale operative è circolata la voce di un ulteriore intervento del governo giapponese, a difesa dello yen come avvenuto la settimana scorsa, con lo scopo di frenarne la corsa. L’indice NIkkei ha concluso così gli scambi in flessione dello 0,99% a 9.471,67 punti, mentre il più ampio paniere Topix ha ceduto lo 0,96% a 838,41 punti. Tra le altre borse asiatiche, Seul che ha riaperto i battenti oggi, chiude con un rialzo dello 0,79% a 3.885,44 punti e Taiwan ha perso lo 0,44% a 8.166,62 punti. Prevalentemente positive le borse che chiuderanno più tardi le rispettive sedute, con guadagni tuttavia contenuti: Hong Kong sale dello 0,28%, Singapore dello 0,07% e Bangkok dello 0,08%. Più decisa la salita di Jakarta +1,55%. Si muove in controtrend Kuala Lampur che cede lo 0,56%.