TLC: IL TAR DEL LAZIO CHIUDE L’AFFARE BLU

20 Febbraio 2001, di Redazione Wall Street Italia

Il Tribunale amministrativo del Lazio ha messo la parola fine sulla questione che opponeva Blu al Comitato dei ministri sulla fidejussione da 4.000 miliardi di lire bloccata dopo l’uscita dalla gara per le licenze UMTS (telefonia di terza generazione).

Il Tar del Lazio ha infatti accolto definitivamente il ricorso dell’operatore telefonico e ha però rigettato la richiesta di danni per circa 300 miliardi. Contro questa sentenza, il Governo tramite il Comitato dei ministri, potra fare appello al Consiglio di Stato.

“Dopo tante nuvole – ha commentato il presidente di Blu, Giancarlo Elia Valori – arriva finalmente una schiarita che ci consente di guardare al futuro con maggiore serenità, a tutto vantaggio dei nostri piani di sviluppo e dei nostri clienti”.

Il consorzio Blu è partecipato dalla società Autostrade che in Borsa sale dello 0,56% a €7,16 con circa 1,6 milioni di titoli scambiati.