TIME WARNER: PATTEGGIA CON LA SEC PER $300 MILIONI

21 Marzo 2005, di Redazione Wall Street Italia

ROMA, 21 mar – Time Warner, il colosso mondiale dei media, ha accettato di pagare 300 milioni di dollari nell’ ambito di un patteggiamento con la Sec – l’ Authority di Borsa statunitense – che verteva in particolare sull’ accusa di aver gonfiato i ricavi pubblicitari della divisione Internet America Online.

Oltre a quest’ accusa, peraltro, a Time Warner era stato contestato anche il fatto di aver alterato per eccesso il numero degli abbonati Internet e di aver svolto un ruolo in tre altri casi di frode, come ha precisato la stessa Sec in una nota. La somma di 300 milioni di dollari è una delle più consistenti pagate alla Sec, che nel 2003 aveva imposto una sanzione da 750 milioni di dollari a WorldCom, il gigante della telecomunicazioni finito in bancarotta.

La stessa Sec ha reso noto inoltre che tre top-manager di Time Warner, il direttore finanziario Wayne Pace, il direttore amministrativo James Barge ed il suo vice, Pascal Desroches, avevano svolto un ruolo attivo nella vicenda relativa alle violazioni connesse alle transazioni sviluppate dallo stesso Gruppo statunitense dei media con la tedesca Bertelsmann, per un controvalore complessivo di 400 milioni di dollari di ricavi pubblicitari. (ANSA).