TERRORISMO: 2 VOLI AIR FRANCE SCORTATI DA F16 USA

1 Gennaio 2004, di Redazione Wall Street Italia

Caccia F-16 dell’esercito americano sono stati impiegati per scortare all’aeroporto di Los Angeles almeno due voli della compagnia francese Air France, uno martedì sera, uno ieri; lo scrive oggi il Washington Post citando fonti dell’aviazione civile americana e testimoni.

Secondo le fonti, i caccia hanno seguito inoltre altri, non meglio specificati, voli con destinazione Los Angeles dell’Air France e della compagnia messicana Mexican Airlines, per tutta l’ultima settimana. Le autorità Usa non commentano, ma testimoni a Los Angeles avrebbero visto gli F-16 martedì accompagnare il volo 68 di Air France (uno dei sei che era stato annullato la settimana scorsa su pressione di Washington in seguito a informazioni che facevano temere un attentato).

Le informazioni del Washington Post si inseriscono in un quadro di crescenti allarmi dovuti al timore di un dirottamento che dovrebbe partire in particolare da Parigi, ma non solo. Anche il New York Times oggi pubblica un articolo secondo cui misure straordinarie sono state imposte negli Stati Uniti a certi voli in almeno sette occasioni negli ultimi giorni. Il Times cita il caso di un aereo proveniente dal Messico che sarebbe stato ‘dirottatò dalle autorità americane la scorsa settimana per ragioni di sicurezza.

Secondo quanto riferito da alcuni funzionari federali, afferma il NY Times, si è temuto per possibili attentati in almeno cinque voli appartenenti a compagnie straniere e diretti negli Usa. Uno di essi è atterrato venerdì notte al Dulles International Airport di Washington ed è stato isolato dal personale della sicurezza che ha provveduto anche a perquisire tutti i passeggeri a bordo.

L’innalzamento delle misure di sicurezza, segnala il quotidiano, riflette il nuovo e più aggressivo approccio al controllo dello spazio aereo statunitense dopo le notizie di nuovi possibili attentati sul modello di quello dell’11 settembre.

Gli Stati Uniti hanno aumentato lo stato di allerta al secondo livello – quello arancione – in concomitanza con il Natale. Washington, che sta decidendo se prolungarlo anche dopo le festività, ha imposto l’imbarco di agenti armati su alcuni voli internazionali, diretti negli Usa o in partenza da aeroporti americani: i voli che saranno considerati a rischio dai servizi di intelligence. La Casa Bianca ha avviato contatti con le compagnie aeree di tutto il mondo. Ma le risposte non sono state
univoche e la proposta ha trovato, soprattutto, l’opposizione dei
sindacati dei piloti che considerano rischiosa l’introduzione di
armi a bordo.

Funzionari della sicurezza americani sono saliti a bordo di un Boeing 747 della British Airways arrivato all’aeroporto Dulles di Washington ieri – proveniente da Londra – e hanno impedito ai passeggeri di sbarcare per alcune ore mentre effettuavano una perquisizione. Lo ha reso noto il dipartimento della sicurezza. Una portavoce del dipartimento ha detto che il volo BA 223 «è stato trattenuto e resta sulla pista per ulteriori controlli», senza fornire altri dettagli.

Secondo mezzi d’informazione locali l’aereo, con a bordo 247
passeggeri e 17 membri dell’equipaggio, è atterrato alle 19.06
di mercoledì ora locale (le 1.06 di oggi in Italia) e che le persone a bordo sono state trasportate al terminal dello scalo circa tre ore dopo.

Gli Stati Uniti hanno innalzato dieci giorni fa il livello di allarme anti-terrorismo ad arancione, il quarto gradino su una scala di cinque (il massimo grado è il rosso), motivando la misura con la possibilità di attacchi terroristici nel periodo delle festività natalizie e di Capodanno.

La settimana scorsa, sei voli Air France tra Parigi e Los Angeles erano stati cancellati quando i servizi americani avvertirono le autorità francesi che la lista dei passeggeri includeva nomi sospetti.

Copyright © La Stampa per Wall Street Italia, Inc. Riproduzione vietata. All rights reserved

__________________________________________

Che tu sia d’accordo o no, ti preghiamo di farci conoscere la tua opinione. I commenti migliori, redatti in forma di articolo, saranno selezionati e pubblicati su Wall Street Italia. Per scriverci utilizza il link Scrivi a WSI

__________________________________________

Per continuare a dibattere in diretta online questo tema iscriviti al Forum di Wall Street Italia. Se non sei gia’ registrato, utilizza il link FORUM