Terremoto in 22 stati Usa, tremano New York e Washington

23 Agosto 2011, di Redazione Wall Street Italia

Un terremoto è stato avvertito a Washington dove il Pentagono, sede del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, e il Congresso sono stati sgomberati per motivi di sicurezza. Neanche un ferito, pochi danni, molta paura. La magnitudo misurata dai sismografi è di 5,9, riferisce l’Istituto di geofisica americano (Usgs). Il sisma, il cui epicentro è stato individuato nello stato della Virginia, è stato avvertito in tutta la East Coast – in particolare a New York e Washington, ma anche in North Carolina e Detroit e in totale in 22 stati – alle 19.50 ora italiana. E’ il piu’ forte terremoto in 114 anni, essendo sulla costa Est simili fenomeni molto rari.

Oltre al Congresso e al Pentagono, anche la Casa Bianca e’ stata evacuata in seguito al terremoto di magnitudo 5,9 che ha colpito la vicina Virginia: lo hanno riferito fonti dell’amministrazione Usa, secondo cui la residenza ufficiale del presidente degli Stati Uniti e’ stata fatta sgomberare da tutto il personale. Barack Obama e la sua famiglia non erano comunque presenti perche’ in vacanza a Martha’s Vineyard, localita’ balneare del Massachusetts, dove il sisma e’ stato peraltro ugualmente avvertito, cosi’ come in North Carolina.

Nella capitale e a New York i grattacieli hanno tremato per vari secondi. Fuga da molti grattaceli di Manhattan che hanno tremato, la gente si e’ riversata in strada. Il sisma ha avuto una profondità di appena un chilometro. Testimoni sul posto riferiscono che, nel momento in cui i muri hanno iniziato a tremare, molti hanno pensato a un nuovo attacco terroristico come quello dell’11 settembre, di cui fra pochi giorni ricorrono i dieci anni. Sia a Manhattan che nella capitale, così come in molte altre città della costa est, la gente si è riversata in strada. Al momento non si segnalano danni agli edifici o a persone.

Epicentro in Virginia e a sud di Washington. A terra gli aerei negli aeroporti di JFK e Newark. Pesanti ripercussioni sul traffico: l’autorità portuale di New York ha deciso di bloccare gli aeroporti Jfk e Newark in attesa di ispezionare le torri di controllo. Allarme negli impianti nucleari, in uno dei quali, in Virginia, e’ scattato il blocco automatico per due reattori. Amtrack, la societa’ del trasporto ferroviario, ha bloccato tutti i treni sui percorsi della costa Est, per valutare eventuali danni.

Un terremoto è considerato potente quando, sulla scala Richter, arriva a magnitudo pari almeno a 6. Poiche’ i terremoti in territorio americano avvengono quasi sempre sulla costa Ovest, questo di oggi di scala 5.9 della scala Richter appare estremamente inusuale e si e’ sentito anche molto di piu’, per via della struttura piu’ solida del terreno, a Est infatti il sottosuolo e’ roccioso, rispetto a quanto si verifica in California dove il sottosuolo e’ piu’ soft. Preoccupazione molta, soprattutto a New York, citta’ di grattacieli, ma niente panico.