Terremoto di magnitudo 8,2 in Cile, alert tsunami. Almeno 5 morti

2 Aprile 2014, di Redazione Wall Street Italia

Almeno cinque persone sono morte per la scossa di magnitudo 8.2 che ha colpito la costa settentrionale del Cile, facendo scattare l’allarme tsunami. Stando a quanto precisato dal ministro dell’Interno, Rodrigo Peñalillo, le vittime sono quattro uomini e una donna, deceduti nelle città di Iquique e Alto Hospicio per infarto o perchè colpiti da detriti.

La Protezione civile ha ordinato l’evacuazione delle coste nord del paese pochi minuti dopo il terremoto, avvertito alle 20.46 locali e localizzato a circa 89 chilometri a sud-ovest di Cuya, a una profondità di 46,4 chilometri.

Il ministro dell’Interno ha precisato che il processo di evacuazione sta procedendo senza problemi e che “le persone che sono state fatte sgomberare dovranno aspettare ancora diverse ore fino a quando non ci sarà più alcun pericolo”.

Peñalillo ha quindi riferito della fuga di quasi 300 detenuti dalla prigione di Iquique, la città più vicina all’epicentro del sisma, dove sono state dispiegate le forze armate “come misura preventiva” per aiutare la polizia a catturare i detenuti. Nella città è anche atteso un aereo con a bordo 100 agenti delle Forze speciali, incaricati di scongiurare possibili saccheggi. (TMNEWS – fonte Afp)