Terremoto all’Ospedale Israelitico Roma, in manette Mastrapasqua

21 Ottobre 2015, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – Terremoto ai vertici dell’Ospedale Israelitico di Roma. Nell’ambito di un’indagine relativamente ai reati di falso e truffa a danno della sanità pubblica, sono state eseguire oggi dai Carabinieri del Nas di Roma 17 ordinanze restrittive, di cui 14 di custodia cautelare agli arresti domiciliari e tre di obblighi di presentazione alla polizia giudiziaria, nei confronti di altrettanti dirigenti, medici e operatori della casa di cura romana.

Tra le persone colpite da ordine di custodia cautelare ai domiciliari c’è anche Antonio Mastrapasqua, ex direttore dello stesso ospedale ed ex presidente dell’Inps.

Contestualmente all’esecuzione dei 17 provvedimenti cautelari, l’Autorità giudiziaria di Roma ha disposto il sequestro preventivo per equivalente pari all’ammontare di 7,5 milioni di euro. Si tratta, fanno sapere i carabinieri, “della somma riconducibile alla indebita richiesta economica eccedente le prestazioni realmente erogate della struttura ospedaliera”.

Le indagini erano partite il 29 settembre del 2014. L’ipotesi era quella di truffa relativa a rimborsi chiesti alla Regione Lazio per malattie che non corrispondevano alla diagnosi. Questa mattina, dopo poco più di un anno, sono scattate le misure cautelari.

Secondo la procura ci sarebbe stato un accordo tra gli indagati per truffare il Sistema sanitario nazionale e ottenere rimborsi più elevati rispetto ai costi effettivamente sostenuti dalla struttura. Le indagini si sono concentrate sui conti della struttura tra il 2006 e il 2009, e avrebbero evidenziato quelli che furono ribattezzati ‘interventi fantasma’.(mt)