TerniEnergia, aumento capitale fino a 60 mln senza opzione

5 Luglio 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Il Cda TerniEnergia, società operante nel settore delle energie da fonti rinnovabili, riunitosi oggi, ha deliberato di sottoporre all’Assemblea straordinaria la proposta di aumento del capitale sociale della Società, in una o più soluzioni, a pagamento, in forma scindibile, per un importo nominale massimo di Euro 60.000.000,00, con esclusione del diritto di opzione. L’aumento del capitale sociale, spiega una nota, è da effettuarsi entro il 31 luglio 2011, ad un prezzo determinato attraverso i meccanismi propri della c.d. attività di bookbuilding d’intesa con il Global Coordinator, tenendo conto, del prezzo del titolo in prossimità del collocamento, delle quantità e qualità della domanda espressa nell’ambito del collocamento privato, dell’andamento dei mercati nazionali ed internazionali in prossimità del collocamento e delle indicazioni ricevute dal Global Coordinator, il tutto comunque nei limiti previsti dalla normativa vigente, e da concludersi mediante un collocamento privato riservato a investitori qualificati italiani ed esteri, con esclusione di Stati Uniti, Canada, Giappone e Australia. L’aumento di capitale rappresenta un’opportunità che TerniEnergia S.p.A. intende cogliere nel presupposto che le condizioni di mercato permettano di poter ottenere un prezzo di emissione che esprima il valore e le potenzialità della società, con l’obiettivo di massimizzare il valore dell’investimento degli azionisti. Le risorse finanziarie, spiega ancora la nota, raccolte con l’aumento di capitale verranno poste al servizio dello sviluppo industriale della Società e non saranno pertanto destinate alla riduzione né al mutamento della struttura dell’indebitamento finanziario. Il Cda ha inoltre deliberato di proporre all’Assemblea dei soci di richiedere il passaggio delle azioni della società alla quotazione sul segmento STAR del Mercato Telematico Azionario.