TerniEnergia aumentano i ricavi nel primo trimestre

4 Maggio 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Consiglio di Amministrazione di TerniEnergia S.p.A., società quotata sull’MTA di Borsa Italiana, attiva nel settore delle energie rinnovabili, ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010. Lo si legge in una nota. L’utile netto si attesta a € 1,6 milioni, pari al 9% dei ricavi (€ 67,0 mila al 31 marzo 2009), per effetto dell’ottimale gestione finanziaria che ha determinato limitati oneri finanziari. Nel primo trimestre 2010, i ricavi sono pari a € 17,7 milioni con un sensibile incremento rispetto al I trimestre 2009 (Euro 6,1 milioni) grazie agli importanti risultati conseguiti dall’attività industriale che nel primo trimestre ha concluso la realizzazione di 10 impianti fotovoltaici di media e grande dimensione (per una potenza complessiva di 10,3 MWp). Il margine operativo lordo (EBITDA) è pari a € 2,7 milioni con una marginalità del 15% rispetto ai ricavi. Il significativo incremento è stato ottenuto grazie ad un costante presidio del mercato di riferimento, nonché alle importanti economie di scala in termini di costi operativi e di struttura. Al 31 marzo 2009 l’EBITDA si attestava a € 370 mila (6,1% dei ricavi). La posizione finanziaria netta è pari a € 2,3 milioni con un miglioramento di € 0,4 milioni rispetto al 31 dicembre 2009 (€ 2,7 milioni). Stefano Neri, Presidente e Amministratore Delegato di TerniEnergia, ha così commentato: “Le importanti performance ottenute nel primo trimestre, con una marginalità pari al 15% e un utile netto pari al 9% dei ricavi, ci rendono molto soddisfatti del lavoro compiuto e confermano il presidio della nostra società sul mercato e sulla filiera del fotovoltaico, dal complesso iter autorizzativo alla power generation fortemente sviluppata nel corso dell’ultimo anno. Procediamo nello sviluppo dei progetti e dei cantieri aperti confidenti nel rapido raggiungimento dei nostri obiettivi industriali.”