Terna, chiude il 2009 con ricavi in crescita

18 Febbraio 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – IL Gruppo Terna ha archiviato l’esercizio 2009 con ricavi consolidati superiori a 1.350 milioni di euro, in aumento di oltre il 13% rispetto al 2008. La crescita dei ricavi riflette le dinamiche tariffarie e l’ampliamento del perimetro di attività. L’Ebitda (Margine Operativo Lordo) si attesta a circa 1 miliardo di euro, con un incremento di circa il 18% rispetto al dato del 2008. L’Ebitda margin si attesta al 74%, con una crescita di 3 punti percentuali rispetto al 2008. Gli Investimenti del 2009 raggiungono i 900 milioni di euro, in crescita del 18% rispetto all’esercizio precedente, di cui oltre 560 milioni relativi a interventi di sviluppo, a conferma dell’implementazione puntuale del Piano di Sviluppo della Rete di Trasmissione Nazionale. L’Indebitamento finanziario netto è pari a 3.755 milioni di euro, in aumento rispetto ai 2.954 milioni di fine 2008; l’incremento del debito, oltre che alla dinamica degli investimenti, è legato principalmente agli effetti delle operazioni straordinarie realizzate nell’esercizio. Il Consiglio di Amministrazione, allo scopo di provvedere alla copertura finanziaria del piano industriale di Terna, ha approvato l’aggiornamento, aumentandone l’ammontare complessivo da 2 a 4 miliardi di euro, del Programma quadro di emissioni European Medium Term Notes (EMTN) Programme, sottoscritto da Terna il 12 luglio 2006, registrato presso la Borsa del Lussemburgo e successivamente rinnovato. Inoltre, il Consiglio di Amministrazione ha deliberato l’emissione in una o più soluzioni entro il 31 marzo 2011 di prestiti obbligazionari, in forma pubblica o privata, per un importo complessivo pari a 1,5 miliardi di euro destinati esclusivamente ad investitori qualificati in Italia e/o all’estero nell’ambito del programma EMTN o al di fuori dello stesso. Le emissioni, denominate in euro o altra valuta avranno una durata massima di 30 anni.