Teme il mercato, Italiaonline non si quota più in Borsa

7 Ottobre 2014, di Redazione Wall Street Italia

MILANO (WSI) – Italiaonline ritira l’Ipo alla vigilia della chiusura dell’offerta che avrebbe dovuto portare l’internet company a Piazza Affari.

Lo riferisce una fonte vicina alla situazione citata dalla Reuters.

L’azienda ex Virgilio e Libero, che fa capo a Orascom di Naguib Sawiris aveva intenzione di sbarcare alla Borsa di Milano il 14 ottobre.

Il gruppo di pubblicità su Internet aveva fissato un range di prezzo tra 5 e 6 euro.

La fonte spiega che la scelta viene dalle condizioni avverse sui mercati. “A causa di condizioni di mercato avverse la società annuncerà a breve il ritiro dell’Ipo”.

L’operazione prevedeva un aumento di capitale fino a 15 milioni di azioni e la vendita di 8 milioni di azioni da parte dell’azionista Libero Acquisition Sarl, per un’offerta totale di massime 23 milioni di azioni.

Italiaonline, che raggruppa i brand e gli asset di Matrix e Libero, è indirettamente controllata dalla Orascom Tmt Sawiris, tramite la controllata Libero Acquisition Sarl. Tra gli altri, fanno parte di Italiaonline i portali Libero e Virgilio.