TELEFONICI ITALIANI REGGONO L’EFFETTO WCOM

22 Luglio 2002, di Redazione Wall Street Italia

La burrasca Worldcom si è abbattuta come un maglio sui telefonici europei.

La decisione di dichiarare lo stato di insolvenza e di porsi sotto l’ombrello del “Chapter 11” in una sorta di amministrazione controllata che permetterà al gruppo di telecomunicazioni Usa di evitare le richieste dei creditori, si fa sentire infatti con pesanti perdite.

A Francoforte, Deutsche Telekomlascia il 3,97%.

A Parigi, France Telecom lascia sul terreno il 3,45%.

A Milano, la situazione regge maggiormente: Telecom Italia e Olivetti si difendono e riescono a rimanere in territorio positivo, sia pure senza sfavillare.

I titoli italiani sono considerati più difensivi rispetto ai competitor europei, e attraggono gli ordini degli investitori che vogliono rimanere nel comparto delle tlc.

In ribasso resta comuqnue Tim.

Per le quotazioni e i grafici IN TEMPO REALE di tutti i titoli azionari quotati a Piazza Affari, forniti da Borsa Italiana e relativi agli indici Mibtel, Mib30, Nuovo Mercato, Midex, Mibtes, Star, e inoltre per le convertibili, i derivati su titoli, indici (covered warrant) e per l’after hours clicca su Borsa Italiana