TELECOM: GRILLO,
20 ANNI DI GALERA A QUESTI DIRIGENTI, SE FOSSIMO NEGLI USA

16 Aprile 2007, di Redazione Wall Street Italia

“Negli Stati Uniti questi dirigenti in mezz’ora prenderebbero 20 anni di galera, perché sono ancora qui?”. Se lo è chiesto il comico Beppe Grillo verso la conclusione del suo intervento durante l’assemblea di Telecom Italia (guarda il video con l’intervento integrale di Grillo ripreso da SkyTv).

Aggiungendo poi che “dall’analisi dei bilanci fatta da un semplice ragioniere come me” è chiaro che “la privatizzazione ha spogliato i ricavi” dell’azienda. Grillo è quindi tornato a criticare il possibile ingresso della cordata At&T e America Movil. “E’ chiaro che il messicano Carlos Slim, (patron di America Movil, ndr) vuole le attività in Brasile. Attività che rendono e questi dirigenti subito la vogliono vendere, pensa un poco…”.

‘Faccio un appello alla dignita’ della dirigenza Telecom, dimettetevi! Ve lo chiede il paese’. Nel corso del suo acceso intervento davanti all’assemblea degli azionisti di Telecom, Grillo ha parlato come un fiume in piena. Infine il comico ha affermato che “a Londra, Dublino e in Estonia si telefona usando la tecnologia wi-max, loro sono indietro di 20 anni. Ora si apre la gara qui in Italia, non lasciamogliela a loro. La dorsale deve essere pubblica e lasciamo che le società si scannino sopra per i servizi che noi potremo scegliere”.

Grillo aveva fatto un piccolo show anche prima dell’avvio dei lavori assembleari di Telecom Italia. Grillo, presente come azionista, ha incontrato la stampa fuori dai cancelli della sede della Telecom a Rozzano. “Tronchetti non c’é – ha spiegato -, non è venuto neanche questa volta, la prima fu due anni fa a Siena in cui doveva parlare di etica dell’ informazione con Andreotti!”.

Grillo ha anticipato alcuni argomenti del suo intervento in assemblea: “Chiederò – ha detto – dove sono finiti i 45 miliardi espropriati ai piccoli azionisti e perché questi non possono avere una rappresentanza vera”. Il comico ha quindi ricordato come la Consob “mi ha mandato tre lettere dicendo che posso creare turbativa, con il presidente della Consob Cardia ormai ho un rapporto di affetto”.

Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link INSIDER

Grillo ha quindi mostrato il bilancio Telecom giudicandolo come “una cosa da neuropsichiatria, si sono venduti tutto”. A chi gli chiedeva come giudicasse la possibile offerta della cordata formata dagli americani di At&T e dell’America Movil del miliardario messicano Carlos Slim, il comico ha risposto: “Figurati se uno degli uomini più ricchi del mondo si compra un cadavere simile, comunque con il 13% del capitale della società la controllerebbe, una percentuale ancora inferiore a quella di cui disponeva Tronchetti”. Rivolto poi al presidio dei sindacati che stazionano davanti ai cancelli Grillo ha spiegato: “Dovevate venire qui in 80 mila perché se arriva il messicano caccerà 30 mila di voi”.