TECHSTAR:
PER SPECULATORI
ATTENTI

7 Febbraio 2005, di Redazione Wall Street Italia

*Financial Trend Analysis e’ una societa’ che opera nel settore dell’Analisi Tecnica. Le analisi di borsa qui pubblicate non implicano responsabilita’ alcuna per Wall Street Italia, che notoriamente non svolge alcuna attivita’ di trading e pubblica tali indicazioni a puro scopo informativo. Si prega di leggere, a questo proposito, il disclaimer ufficiale di WSI.

_______________________________________

(WSI) – Nella settimana appena trascorsa il panorama del mercato azionario italiano è andato incontro ad una piccola rivoluzione: da lunedì 31 gennaio infatti è stato avviato il calcolo dei nuovi indici TechStar, Star e All Stars, rappresentativi delle Pmi di eccellenza, mentre è cessato il calcolo di Numex e Numtel. I titoli del Nuovo Mercato esclusi dal Techstar sono confluiti nel Mibtel, che è divenuto così a tutti gli effetti un paniere All-Shares del mercato italiano.

Nel corso delle ultime settimane gli operatori e gli investitori avevano già avviato i necessari processi di aggiustamento dei portafogli, tanto che l’andamento dell’indice Numtel e quello del Techstar erano risultati nettamente divergenti, con il primo cedente dai massimi del 10 gennaio ed il secondo in costante guadagno dai minimi dell’11 dello stesso mese. Il mercato evidentemente ha gradito la decisione di Borsa Italia di valorizzare quei titoli delle società del settore tecnologico che rispettano precisi requisiti di crescita reddituale e stabilità patrimoniale, confluiti nel nuovo indice TechStar.

Da notare che mentre il Numtel, che ha cessato di essere calcolato il 28 gennaio, sui prezzi di chiusura di quella data era distante il 40% circa dai massimi dell’inizio dicembre 2003, il Techstar, la cui serie storica è stata calcolata da Borsa Italia, si trova al di sopra del top di inizio 2003 del 4% circa.

Ma quali sono le prospettive per questo nuovo strumento? Dai minimi dell’ottobre 2002 è possibile disegnare un canale rialzista, la cui base è stata messa alla prova dai minimi dello scorso agosto, che ha un limite superiore attualmente passante in area 7850, quota che si offre quindi come obiettivo per il rialzo in corso. In prossimità di quell’area l’indice incontrerebbe anche il 62% retracement del ribasso dai massimi di marzo 2002, ultimo dei ritracciamenti nella serie di Fibonacci superato il quale vi sarebbero buone prospettive in favore di un ricongiungimento con i top dai quali si è avviata la discesa, posti in area 9500.

Anche in termini di onde di Elliott il rialzo dai minimi di agosto 2004 sembra essere impostato come un impulso, da contare quindi in 5 onde. Il rialzo visto nel mese di agosto sarebbe l’onda 1, misura con la quale valutare le prospettive di rialzo di tutta la serie: in base alla ampiezza di onda 1 è possibile infatti individuare un target per l’impulso in corso intorno agli 8400 punti. Tutto questo rialzo a sua volta sembra essere l’onda 3 di una fase impulsiva più ampia, avviatasi con i minimi del marzo 2003, destinata, se la conta si rivelerà corretta, a giungere in area 9400/450 almeno, i top del 2001 già citati sopra.

L’impostazione grafica rimarrà rialzista almeno fino a che le quotazioni rispetteranno i supporti di area 7100/7150, quota che se violata lascerebbe spazio ad un test della base del canale citato, attualmente in area 6200. Il paniere dei titoli tecnologici così come è stato composto appare quindi interessante in termini di prospettive di guadagno, e tale affermazione potrebbe essere vera non solo in termini assoluti (dai valori attuali i primi obiettivi di rialzo indicati, quelli a 7850, distano il 5-6% circa), ma anche in termini relativi, dal momento che il grafico risultante dal rapporto tra i valori del Techstar e quelli del Mibtel viaggia al rialzo ormai da due mesi, ed ha disegnato a partire dai minimi di metà 2004 una configurazione rialzista.

Se le attese riguardanti l’indice Techstar venissero rispettate, i 26 titoli che compongono questo paniere potrebbero divenire un interessante territorio di caccia per quegli investitori che cercano temi maggiormente speculativi con i quali arricchire il proprio portafoglio.

Copyright © Financial Trend Analysis per Wall Street Italia, Inc. Riproduzione vietata. All rights reserved