TASSI USA: SORPRESA DAGLI ULTIMI MOVIMENTI

20 Maggio 2008, di Redazione Wall Street Italia

*Questo documento e’ stato preparato da MPS Capital Services ed e’ rivolto esclusivamente ad investitori istituzionali ovvero ad operatori e clientela professionale ai sensi dell’allegato n.3 al
reg. n.16190 della Consob. Le analisi qui pubblicate non implicano responsabilita’ alcuna per Wall Street Italia, che notoriamente non svolge alcuna attivita’ di trading e pubblica tali indicazioni a puro scopo informativo. Si prega di leggere, a questo proposito, il disclaimer ufficiale
di WSI.

(WSI) – Oggi è attesa la pubblicazione dell’indice Zew di maggio. In base al sondaggio di Bloomberg il dato dovrebbe rimanere pressoché stabile nella componente corrente, ma quella prospettica dovrebbe rimanere in territorio negativo. Negli Usa oggi sono attesi i prezzi alla produzione di aprile che dovrebbero confermarsi su livelli elevati, soprattutto nella componente core.

Tassi di interesse: in area Euro i tassi di mercato sono saliti dopo che Trichet ha dichiarato che la correzione dei mercati è ancora in atto e che i governi dovrebbero assumere come priorità la stabilità dei prezzi. Allo stesso modo Liebscher ha affermato che il mantenimento dei prezzi su livelli elevati potrebbe mantenere il tasso di riferimento al 4% per il resto del 2008. Oggi è atteso il risultato dell’asta da 25 Mld$ della Bce. L’operazione sarà ripetuta con scadenza quindicinale, e le banche pagheranno un tasso di interesse fisso determinato dal tasso minimo a cui sono stati assegnati i fondi in un’asta parallela effettuata dalla Fed. Sul decennale la resistenza passa per 4,26%.

Negli Usa i tassi di mercato sono calati nonostante il leading indicator di aprile abbia sorpreso gli operatori risultando superiore alle attese (+0,1% vs attese di -0,1%). Il calo dei tassi potrebbe essere giustificato in parte dall’andamento contrastato dei listini Usa (Nasdaq in calo, Dow Jones in lieve rialzo e S&P500 intorno alla parità dopo un brusco ridimensionamento nelle ultime ore di contrattazione), in parte da acquisti di Treasury da parte di aziende corporate. Ieri Kraft e PepsiCo Inc hanno collocato almeno 9Mld$ di debito e probabilmente hanno riacquistato sul mercato Treasury in precedenza venduti per coprirsi da un aumento dei tassi d’interesse. Gli acquisti si sono concentrati sulla parte a breve con lo spread 2-10 anni salito da 141 a 144pb. Infine gli acquisti di bond potrebbero essere stati favoriti dal discorso di Trichet che ha avvertito come la crisi del mercato finanziario non sia ancora conclusa. Nel frattempo è stato raggiunto un accordo per l’approvazione al senato della legge che prevede la possibilità di stralcio di parte del debito verso i mutuatari in difficoltà. Il voto è atteso oggi e poi occorrerà verificare se il presidente Bush eserciterà o meno il diritto di veto. Nel breve sul decennale il supporto si colloca a 3.75%.

Valute: Dollaro in apprezzamento in chiusura permanendo però sempre sopra quota 1,55 vs. Euro. Nel breve l’area 1,5580/1,5650 rappresenta una resistenza di rilievo. Il ribasso dei listini asiatici ha favorito l’apprezzamento dello Yen anche se il cross continua ad oscillare entro il range delle ultime sessioni sia verso Euro sia verso Dollaro. Nel frattempo questa notte la BoJ ha lasciato invariato il tasso di riferimento allo 0,50% con decisione unanime.

Materie Prime: l’apprezzamento del Dollaro ha penalizzato il comparto, nonostante ci siano state alcune eccezioni. Il greggio Wti ha chiuso in lieve rialzo mantenendosi in prossimità dei livelli record dopo il presidente dell’Opec ha affermato che l’aumento della produzione araba non sarà in grado di calmierare i prezzi. In ribasso invece i metalli industriali guidati da piombo (-4,9%) e zinco (-3,2%). Nonostante il movimento del Dollaro, l’oro (+0,6%) e l’argento (+0,4%) hanno chiuso in lieve rialzo poiché gli operatori li hanno acquistati in ottica di copertura dall’inflazione. Tra gli agricoli in rialzo il grano (+2%), forte calo della soia (-3,3%) sulla possibilità di nuove trattative tra agricoltori e governo argentino.

Copyright © MPS Capital Services. All rights reserved

scrivi la tua opinione “live” sul Forum di WSI