Società

TASSI USA: LA FEDERAL RESERVE LI ALZA DELLO 0.25%

Questa notizia è stata scritta più di un anno fa old news

Come ampiamente atteso dal mercato, il Federal Open Market Committee, il braccio operativo della Federal Reserve, ha aumentato il costo del denaro degli Stati Uniti.

Il target sui fed funds e’ stato infatti alzato di 25 punti base al 5.25%. Si tratta del diciassettesimo incremento consecutivo. Il primo della serie e’ stato deciso nel meeting del Fomc del 30 giugno del 2004.

Per i lettori di Wall Street Italia ecco la traduzione in italiano del documento ufficiale della Federal Reserve:

Il Federal Open Market Committee ha deciso di alzare i tassi sui fed funds di 25 punti base al 5.25%.

I recenti indicatori mostrano che la crescita economica e’ in una fase di moderazione rispetto al robusto passo sostenuto ad inizio anno, che riflette parzialmente un graduale raffreddamento del mercato immobiliare e i contenuti effetti dell’aumento dei tassi d’interesse e dei prezzi energetici.

Il dato “core” sull’inflazione e’ stato piuttosto elevato negli ultimi mesi. La crescita della produttivita’ ha aiutato a mantenere sotto controllo l’aumento del costo del lavoro, e le aspettative sull’inflazione restano contenute. Tuttavia, gli alti livelli di utilizzazione delle risorse e gli alti costi energetici e di altre commodities hanno il potenziale di sostenere le pressioni inflazionistiche.

Sebbene la moderazione della crescita nella domanda aggregata dovrebbe offrire supporto a limitare l’inflazione, la Commissione ritiene che alcuni rischi inflazionistici restano. La modalita’ e i tempi di qualsiasi azione di politica monetaria che potrebbe essere necessaria per contenere tali rischi dipenderanno dall’evoluzione dell’outlook inflazionistico e delle crescita economica, cosi’ come sara’ implicato dalle informazioni rilasciate quotidianamente. In ogni caso, la Commissione rispondera’ ai cambiamenti sulle prospettive economiche come necessario per supportare l’ottenimento di tali obiettivi.

A votare a favore dell’azione di politica monetaria del FOMC sono stati: Ben S. Bernanke, Chairman; Timothy F. Geithner, Vice Chairman; Susan S. Bies; Jack Guynn; Donald L. Kohn; Randall S. Kroszner; Jeffrey M. Lacker; Sandra Pianalto; Kevin M. Warsh; e Janet L. Yellen.

In un’operazione collegata, il Comitato dei Governatori (Board of Governors) ha approvato all’unanumita’ un incremento di 25 punti base del tasso di sconto al 6.25%. Nel prendere questa decisione, il comitato ha approvato le richieste formulate dai Comitati dei Direttori (Boards of Directors) della Federal Reserve Bank di Boston, New York, Philadelphia, Cleveland, Richmond, Atlanta, Chicago, St. Louis, , Minneapolis, e Dallas

Ed ecco il testo originale del documento che accompagna la decisione della Federal Reserve di aumentare il tasso interbancario al 5.25%:

The Federal Open Market Committee decided today to raise its target for the federal funds rate by 25 basis points to 5-1/4 percent.

Recent indicators suggest that economic growth is moderating from its quite strong pace earlier this year, partly reflecting a gradual cooling of the housing market and the lagged effects of increases in interest rates and energy prices.

Readings on core inflation have been elevated in recent months. Ongoing productivity gains have held down the rise in unit labor costs, and inflation expectations remain contained. However, the high levels of resource utilization and of the prices of energy and other commodities have the potential to sustain inflation pressures.

Although the moderation in the growth of aggregate demand should help to limit inflation pressures over time, the Committee judges that some inflation risks remain. The extent and timing of any additional firming that may be needed to address these risks will depend on the evolution of the outlook for both inflation and economic growth, as implied by incoming information. In any event, the Committee will respond to changes in economic prospects as needed to support the attainment of its objectives.

Voting for the FOMC monetary policy action were: Ben S. Bernanke, Chairman; Timothy F. Geithner, Vice Chairman; Susan S. Bies; Jack Guynn; Donald L. Kohn; Randall S. Kroszner; Jeffrey M. Lacker; Sandra Pianalto; Kevin M. Warsh; and Janet L. Yellen.

In a related action, the Board of Governors unanimously approved a 25-basis-point increase in the discount rate to 6-1/4 percent. In taking this action, the Board approved the requests submitted by the Boards of Directors of the Federal Reserve Banks of Boston, New York, Philadelphia, Cleveland, Richmond, Atlanta, Chicago, St. Louis, Minneapolis, and Dallas.