TASSI D’INTERESSE: DRASTICO TAGLIO IN EUROPA

6 Novembre 2008, di Redazione Wall Street Italia

La Banca d’Inghilterra ha tagliato il tasso di riferimento al 3% dal 4,50%. Il ribasso e’ maggiore di quanto atteso dal mercato. Con la decisione odierna,la Banca d’Inghilterra ha abbassato il costo del denaro in misura nettamente maggiore di quanto previsto dal mercato che aveva preventivato un taglio di mezzo punto, al 4%. La banca centrale di Londra ha cosi’ tagliato per la quinta volta il costo del denaro dallo scorso dicembre.

Il taglio rappresenta l’intervento più pesante dal 1997. La decisione porta il tasso di riferimento in Gran Bretagna a livelli toccati per l’ultima volta negli anni ’50, ma molti economisti prevedono che la Bank of England possa ridurre ancora i tassi in un futuro prossimo.

La Banca centrale europea ha tagliato i tassi di interesse di mezzo punto, portandoli al 3,25%, al minimo dall’ottobre 2006. Lo ha deciso oggi il Consiglio direttivo dell’istituto centrale a Francoforte. La decisione era ampiamente attesa dal mercato. Il tasso sui depositi scende quindi al 2,75% e quello marginale al 3,75%.

La Banca nazionale svizzera ha annunciato oggi a Zurigo una riduzione di 50 punti del margine di fluttuazione del Libor a tre mesi, il tasso di riferimento, che passa a 1,5%-2,5%. Le prospettive congiunturali internazionali si sono deteriorate più del previsto e questo si ripercuoterà sulla crescita in Svizzera nel corso dei prossimi trimestri, afferma la Banca centrale elvetica. Quest’ultima potrebbe anche diventare negativa nel 2009, aggiunge.