Società

TAMBURI SCENDE IN PASSERELLA CON BURANI

Questa notizia è stata scritta più di un anno fa old news

Il contenuto di questo articolo esprime il pensiero dell’ autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di Wall Street Italia, che rimane autonoma e indipendente.

(WSI) –
Gianni Tamburi cementa i rapporti con la famiglia Burani ed entra nel segmento della moda. Lunedì 4 settembre, la merchant bank Tamburi Investment Partners (Tip) rileverà il 3,188% del capitale di Mariella Burani Fashion Group (Mbfg) da L Capital, per 17,16 milioni. In pratica, 18 euro per azione, un po’ meno del valore di mercato: ieri il titolo Mbfg ha chiuso a 19,10 euro, in rialzo dello 0,30 per cento.

Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link INSIDER

Dal canto suo, L Capital (il fondo chiuso di Louis Vuitton Moet Hennessy, che era entrato nel capitale della società di Cavriago nell’estate del 2005 con una quota leggermente superiore al 6%) resterà socio con il 3,19%, almeno fino alla fine del 2007, quando scadrà il lock up. «L’ingresso nel capitale di Mariella Burani? È stata un’opportunità e l’abbiamo colta al volo». Così, Alessandra Gritti, vicepresidente di Tip commenta l’operazione che conferma un’amicizia nata nell’aprile del 2001, quando Tamburi fece da advisor nella vendita del 51% della società di pelletteria Enrico Mandelli alla famiglia Burani.

A fine 2002, poi, la merchant bank ha seguito il gruppo di Cavriago nell’acquisizione di René Lazard, mentre in fase di Ipo ha rilevato il 2,34% di Greenvision Ambiente e lo 0,90% di Bioera, entrambe controllate da Mbfg. «Mariella Burani è un gruppo eccellente che realizza il 70% del fatturato all’estero attraverso marchi di proprietà – spiega Gritti – Una società fortemente innovativa che ha saputo fare del lusso accessibile la propria filosofia di crescita e che cerca continuamente opportunità di sviluppo». E già si scommette sulla prossima operazione.

Secondo quanto risulta a F&M, Mbfg avrebbe in cantiere la creazione di un terzo polo dedicato alla gioielleria da affiancare al fashion e alla pelletteria. In pole position ci sarebbero le acquisizioni di società vicentine e aretine, il cui closing potrebbe avvenire entro l’anno. L’ingresso di Tip nel capitale di Mbfg è stato accolto con entusiasmo da Giovanni Burani, ad del gruppo di Cavriago, che ha commentato: «L’ingresso di persone che hanno la stessa nostra visione ci permetterà di accelerare il processo di creazione di valore, anche in vista di future operazioni straodinarie, come acquisizioni».

Copyright © Bloomberg –
Finanza&Mercati per Wall Street Italia, Inc. Riproduzione vietata. All rights reserved