T-Bond Future, settimana scorsa riflessiva

9 Marzo 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Nella settimana appena conclusa il future sul T-Bond si ferma a riflettere frenando così la corsa precedente condizionato dall’andamento positivo del mercato azionario Usa. Il contratto sul principale Gov’s americano, ha riflettuto sulle parole del presidente della Federal Reserve di Kansas City, Thomas Hoenig: “Se alziamo i federal funds all’1%, la politica monetaria resta accomodante, arrivare all’1% non rappresenta alcuna stretta, certo non ci arriveremo in una notte”. Dichiarazioni che sostanzialmente confermano le parole precedenti del numero uno della Fed, Bernanke: “tassi bassi ancora a lungo, in un quadro economico che permane incerto”. Tuttavia qualche segnale di miglioramento dell’economia è emerso dal Beige Book. Il report della Federal Reserve infatti ha parlato di un’economia a stelle e strisce in continuo miglioramento anche se in modo graduale. Il derivato chiude l’ottava a 116,68 punti dopo essere sceso fino a 116,62 e mette a segno una performance settimanale negativa dello 0,66%. Per le prossime sedute va posta particolare attenzione all’area di supporto vista a 116,26 con target successivo stimato a 116,06. Resistenza a 117,25.